immagine-preview

Feb 20, 2018

Hyperloop, 150 km in 20 minuti. La prima tratta potrebbe essere indiana?

Accordo preliminare la fra Hyperloop One finanziata da Richard Branson per il percorso fra Pune e Mumbai: due anni per il tracciato preliminare, massimo sette per il via

Hyperloop One, una delle società che in giro per il mondo stanno sviluppando la tecnologia per il trasporto ad alta velocità di merci e passeggeri all’interno di tubi a bassa pressione (le capsule sono spinte da motori lineari a induzione e compressori d’aria), lancia un progetto in India per collegare la città di Pune al nuovo aeroporto di Mumbai. Quei 140 chilometri sarebbero percorsi in 25 minuti, forse meno, contro le attuali tre ore stimate.

L’accordo preliminare

Dietro alla Hyperloop One c’è (anche) il magnate Richard Branson, capo di Virgin Group, un colosso che controlla oltre 400 società. Proprio ieri ha firmato nella megalopoli indiana un accordo preliminare per una rete locale di supertreni (anche se non è corretto chiamarli così). Un tracciato dimostrativo sarà costruito in due o tre anni, prima di siglare l’accordo definitivo. La seconda fase dovrebbe completarsi dunque nel complesso in un periodo fra i cinque e i sette anni. Tempi compatibili con quelli delle altre “hyperloop” che stanno lavorando in tutto il mondo (la stessa Hyperloop One ha iniziato i test in Nevada, sfruttando anche soluzioni di levitazione magnetica), creando un movimento aperto che va ben al di là dei singoli progetti ma che troppo spesso appare perdersi nelle fascinazioni avveniristiche e in una valutazione a dir poco ottimistica dei tempi di costruzione.

Hyperloop è stata (ri)lanciata intorno al 2012 dal vulcanico Elon Musk, ora alle prese con i traguardi delle sue SpaceX e Tesla più che con i siluri terrestri, e al momento è sviluppata da tre società: Hyperloop One (già Hyperloop Technologies Inc.), Hyperloop Transportation Technologies e Transpod. L’India, spiega Bloomberg, potrebbe essere una delle piazze di prova più sensate, considerando il drammatico collo di bottiglia infrastrutturale e l’inarrestabile esplosione demografica e urbanistica. Basti pensare al progetto di rilancio delle sgangherate ferrovie del Paese (133 miliardi messi da poco sul piatto dal governo di Narendra Modi) e a quello per il bullet train fra la stessa Mumbai e Ahmedabad.

Il primo Hyperloop al mondo?

Il tracciato Pune-Mumbai, che potrebbe essere il primo operativo al mondo secondo quanto spiegato dal tycoon al Magnetic Maharashtra Global Business Summit, porterebbe in dote 55 miliardi di dollari in ricadute economiche in una trentina d’anni, a fidarsi delle stime effettuate dalla Hyperloop One: “Credo che Virgin Hyperloop One potrebbe avere in India nel XXI secolo lo stesso impatto avuto dai treni nel secolo scorso – ha spiegato Branson, una cui antenata era originaria del Chennai – la rotta Pune-Mumbai è il primo pezzo ideale di una rete nazionale di hyperloop”. A ritmi definitivi il tracciato potrebbe trasportare 10mila persone all’ora in entrambe le direzioni.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter