Automotive

Torino, arriva l’auto ibrida con oltre 400 km di autonomia

Il prototipo concepito dal team BeonD del Politecnico di Torino, punta a rivoluzionare il mercato dei sistemi per la mobilità urbana: leggerezza, alte performance, bassi consumi. The Next Tech ha intervistato Massimiliana Carello, presidente e co-founder di BeonD.

L’idea di progettare e produrre un’auto che sfidasse la mobilità cittadina, sui consumi e sui costi, sul design e la praticità, nacque quasi dieci anni fa tra i banchi del Politecnico di Torino. Prima come idea per un hackathon, poi come una vera e propria iniziativa imprenditoriale.
Così Massimiliana Carello, ricercatrice di meccanica applicata al Politecnico di Torino, e docente di chassis design per il corso di ingegneria dell’autoveicolo, ha fondato insieme a due studenti dell’epoca, oggi un ricercatore, Andrea Airale, e un dottorando, Alessandro Ferraris, BeonD.

XAM 2.0: l’urban concept ibrido made in Torino

La storia di BeonD

BeonD, spin off del Politecnico di Torino, impresa nata e cresciuta nell’incubatore I3P, opera nel settore automotive, e ha già debuttato con il primo prototipo, XAM, con cui per tre anni consecutivi ha vinto il premio “Comunicazione e Marketing Award” per le numerose pubblicazioni e apparizioni televisive su reti nazionali e internazionali. Inoltre nel 2011 ha ricevuto a Roma la “Medaglia Premio” del presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano, per l’impegno svolto negli anni come dimostrazione delle grandi capacità dell’azienda.

Il team ha dunque iniziato fin da subito a pensare ad una alternativa agile e pratica allo spostarsi in città con 1500 kg di veicolo, o più, evitando costi sempre più onerosi di un’auto di proprietà, e spiacevoli inconvenienti come il non trovare parcheggio o il non poter accedere alle ZTL. La nuova proposta di BeonD? XAM 2.0.

XAM 2.0: l’urban concept ibrido made in Torino

Cos’è XAM 2.0?

«La mobilità intelligente in Italia è ancora un sogno – afferma la professoressa Carello – sia dal punto di vista normativo, sia sul piano della consapevolezza dei cittadini. Da alcuni anni ormai noi di BeonD lavoriamo per offrire un’alternativa valida allo spostamento in città: XAM 2.0 è pensata per i centri urbani».
XAM 2.0 è un ibrido range extender (ossia un veicolo elettrico a cui è aggiunto un piccolo motogeneratore elettrico, che viene acceso in caso di necessità per proseguire la marcia), e ha batterie che permettono di percorrere altri 70 chilometri, dopo i 400 permessi dal pieno di energia (effettuato in 6 ore). XAM 2.0 ha inoltre un “generatore di corrente” utile per il range extender: un piccolo motore a benzina, con serbatoio di 10 litri.
Su XAM 2.0 ci hanno lavorato, oltre a Massimiliana Carello, Andrea Airale e Alessandro Ferraris, un quarto socio, Paolo Massai, oggi docente del Politecnico, che è stato vice presidente Alfa Romeo e Powertrain Chief di Ferrari F1.

Chi segue gli altri non arriva mai primo

XAM 2.0 è il progetto di business finora meglio riuscito di BeonD, nato dalla volontà di dare un seguito attraverso il trasferimento tecnologico dall’ambito scientifico della ricerca e della formazione all’implementazione sul mercato di nuove tecnologie e strumenti di ingegneria, con l’esperienza e il network creato nel corso degli anni grazie al lavoro e l’esperienza del gruppo di ricerca del Politecnico.

Gli obiettivi

«Stiamo già progettando una nuova auto ibrida, disegnata e pensata proprio per una produzione in serie, non più solo a livello prototipale – racconta Carello – noi non abbiamo la forza di produrre una grande quantità annuale di auto, perciò continuiamo a cercare soci e, perché no, vendere del tutto i nostri progetti. Non vogliamo fare i costruttori, non è il nostro mestiere».

foto-Team-2013-big

XAM 2.0 è già un piccolo gioiello, un prototipo che ha attirato l’attenzione di investitori come il gruppo CLN, entrato in società tra dicembre 2015 e gennaio. Il veicolo è lungo 280 centimetri, larga 230 e alta 128, con una massa di appena 410 kg, ed una velocità massima autolimitata a 80 km/h: XAM 2.0 ha vinto il Premio Sviluppo Sostenibile 2015, selezionati tra più di 40 progetti.
«Proponiamo il quadriciclo come soluzione per piccole flotte aziendali, come car sharing cittadino o trasporto pubblico – afferma la presidente di BeonD – XAM 2.0 è un veicolo di prova viaggiante come dimostratore, ma con la nuova progettazione in corso stiamo aumentando la sicurezza attiva e passiva del veicolo. L’obiettivo, come detto, è vendere il nostro progetto: da soli non siamo in grado di farci carico di una produzione».

Luca Scarcella

@LuS_inc

Ti potrebbe interessare anche

La nuova electric car della Nasa ci guiderà su Marte. Ma va già bene per le città europee

Il piccolo rover sviluppato a Houston va a batteria e può essere guidato via software anche a distanza, escludendo il guidatore umano.

L’hacker che ha costruito, da solo, un’automobile senza pilota (battendo Google e Tesla)

Anche questa storia d’innovazione nasce in un garage. Quello di George Hotz, diventato famoso a 17 anni per essere stato il primo ad hackerare un iPhone. Ora ci riprova: ha creato una “driveless car” in grado di sfidare Google e Tesla (scommettendo con Elon Musk). Qui la storia, emozionante, del suo primo viaggio con un giornalista di Bloomberg BusinessWeek.

In Germania nascerà la prima “autostrada” solo per ciclisti

Si chiama “Radschnellweg” (RS1) e, una volta terminata, nel 2020, collegherà le città principali della Ruhr per un totale di circa 100 chilometri. Intanto è stato inaugurato il primo tratto da Essen a Duisburg.

TABBY EVO, l’auto elettrica e open source che si costruisce in un’ora

Costruita da OSVehicle, rappresentata la versione evoluta dell’automobile presentata alla Maker Faire Rome 2013. Più forte, più resistente, più veloce e più affidabile. Un piccolo gioiello dell’ingegni italiano.

Un mondo di giochi diviso per genere è limitante per un bambino 

L’industria tende a dividere i giocattoli per genere e assegnare colori ben definiti, alimentando stereotipi e limitando l’apprendimento. Ma per un bambino avere un cesto dei giochi il più vario possibile è fondamentale per acquisire competenze diversificate