Videogiochi | GTA V raggiunge la soglia di 6 mld: è il prodotto più redditizio di sempre

Il gioco di Rockstar ha superato qualsiasi libro, film o disco musicale. Doppiate persino pellicole del calibro di Star Wars e Via Col Vento

GTA V è il prodotto più redditizio della storia. Già lo sapevate? Attenzione: non si parla di una classifica che comprende i soli videogiochi, perché vi ricadono tutte le altre forme di intrattenimento conosciute. Dunque compresi i film, i dischi dai tempi del vinile e, ovviamente, i libri.

 

Leggi anche: Arriva Echoes From Levia Soulbound, un’audio-avventura tutta italiana per ipovedenti

 

L’ultima fatica di Rockstar Games ha sbaragliato tutti. Non tanto in termini di copie vendute: a oggi 90 milioni, un risultato di tutto rispetto che però lo vede comunque terzo dietro a Tetris (170 milioni) e Minecraft (144 milioni), quanto a incassi. Denaro sonante, insomma. Cui ha dato un contributo enorme GTA Online, supportato di continuo da una community incredibilmente attiva che sta consentendo alla software house di presentare aggiornamenti a ritmo serrato.

 

 

Le microtransazioni hanno permesso di superare Star Wars

GTA Online ha di fatto consentito a Rockstar Games (e al suo produttore, Take Two) di tagliare il traguardo di sei miliardi di dollari. Per fare un paragone con i film di maggior successo, Star Wars e Via Col Vento, in totale e tenuto conto dell’inflazione, si fermerebbero più o meno a tre miliardi. A dirlo Doug Creutz, analista di Cowen, sull’autorevole sito MarketWatcher.

 

Lindsay Lohan vs GTA

A spingere, in parte e senza volerlo, le vendite, anche la querelle tra il videogioco e la modella statunitense Lindsay Lohan che nel 2013 ha intrapreso una lunga ed estenuante azione legale contro i produttori ritenendo che un personaggio presente in GTA VLacey Jonas, famosa attrice nella fittizia Vinewood, fosse in realtà modellata sulla sua figura, danneggiandone l’immagine. La vicenda si è chiusa solo pochi giorni fa con la perdita della battaglia giudiziaria da parte della querelante che, oltre al pagamento delle spese legali, è stata di fatto condannata a fare pubblicità gratuita al gioco di Take Two. Ma per gli sviluppatori è accaduto esattamente l’opposto: sarebbe stata la starlette americana a sfruttare il marchio di GTA per ottenere un ritorno in fatto di popolarità. Dato il traguardo odierno, è abbastanza evidente chi abbia trainato chi.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter