news

Accesa (in Marocco) la centrale solare più grande del mondo

Muhammad VI, Re del Marocco, ha acceso la prima sezione della centrale solare più grande del mondo. Sarà completata nel 2018 per dare energia a un milione di case. Tutto nel luogo dove sono stati girati “Games Of Thrones”, “La Mummia” e “Il Gladiatore”.

Qualche mese fa vi abbiamo raccontato il progetto che porterà, nel 2018, alla costruzione della centrale solare più grande del mondo. Un gigante che coprirà un’area grande oltre 3mila campi da calcio, in Marocco, a Ouarzazate, in pieno deserto. Un luogo divenuto famoso per essere stato uno dei set di Games Of Thrones, una delle serie televisive di maggior successo, ma anche de Il Gladiatore e de La Mummia

160205152307-noor-complex-ouarzazate-1-exlarge-169

L’11 febbraio il progetto ha preso il via. Re Muhammad VI, sul trono da 17 anni, ha inaugurato la prima sezione dell’intera struttura, Noor 1. Si tratta di 500mila specchi che soddisferanno il fabbisogno (160 megawatt) di circa 650mila persone. Una volta a pieno regime l’impianto darà energia a un milione di abitazioni.

Leggi: A Ouarzazate nascerà la più grande centrale solare del mondo

Come funziona l’impianto

La centrale si servirà di moderne tecnologie. Gli specchi parabolici installati cattureranno l’energia del sole per riscaldare i tubi dove scorrerà un olio che, producendo vapore, metterà in modo le turbine. Ma non solo. Il calore dell’olio verrà usato per riscaldare grandi quantità di sale. Le temperature elevate (fino a 500°) porteranno il minerale a sciogliersi, accumulando così il calore che potrà essere impiegato per far funzionare i generatori per circa tre ore anche con il buio. Con l’attivazione completa si arriverà ad un’autonomia di oltre 8 ore. 

5637

L’obiettivo finale

Una scelta obbligata per il Marocco costretto, oggi, a importare dall’estero l’energia elettrica di cui ha bisogno. Entro il 2020,invece, oltre il 40% del  fabbisogno nazionale arriverà da fonti rinnnovabili, anche grazie alla centrale solare di Ouarzazate. Un investimento di 9 miliardi che, nel lungo periodo, non potrà che giovare all’intera economia nazionale.

 

  • Badr

    eh vai…forza e coraggio.

  • http://www.farmaciaalibertishop.it Davide Strata

    È davvero una notizia meravigliosa! Speriamo ne costruiscano una anche in Italia!

    • lorenzo

      Si ma non nel tuo back yard? vero?

Ti potrebbe interessare anche

La panchina del futuro ti connette in wifi e ricarica il cellulare (mentre aspetti il bus)

Il progetto, tutto italiano, è sviluppato da un team del Politecnico di Milano: la panchina intelligente è super resistente, piena di sensori e rispettosa dell’ambiente. Arrederà aeroporti, banche, centri commerciali e piazze comunali

Pontevedra, la città che è riuscita (in 15 anni) a dire addio alle automobili

In Galizia, nel nord della Spagna, c’è una città che è riuscita a diventare quasi del tutto pedonale. Si chiama Pontevedra, ha 83mila abitanti e un’aria che profuma di oceano. Tutto grazie a un Sindaco che da 15 anni ha deciso di cambiare le cose (e oggi ne raccoglie i frutti).

Vortex, le turbine eoliche senza pale (ispirate da un ponte crollato nel 1940)

Può un errore umano, commesso 75 anni fa, permettere la nascita di una nuova tecnologia? Ecco come il crollo del ponte di Tacoma, avvenuto nel 1940, ha ispirato la startup che ha cambiato il look alle turbine eoliche.

La lampadina al grafene più piccola del mondo ha lo spessore di un atomo. Illuminerà i display del futuro

La scoperta della Columbia University promette di aprire la strada all’internet ultraveloce. Intanto in Europa è partito il progetto Flagship Graphene. Obiettivo: investire un miliardo di euro per trasferire la tecnologia dai centri di ricerca all’industria.