Simone Cosimi

Mag 10, 2018

eCooltra: lo scooter sharing elettrico cresce, ecco il codice per avere mezz’ora gratis

Dai dati dell'Osservatorio sulla Sharing mobility spicca il successo, e gli ampi margini, per la mobilità elettrica: in due anni percorsi 5.152.000 chilometri

Più di 18 milioni di italiani (28% della popolazione) hanno a disposizione almeno un servizio di mobilità condivisa. Circa due terzi dei cittadini conosce questi servizi e più della metà (54,4% degli intervistati) è disponibile a utilizzarlo in alternativa agli spostamenti con il mezzo privato.

Sono solo alcuni numeri diffusi dall’Osservatorio nazionale sulla sharing mobility, lanciato nel settembre 2015 dal ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, che registra in particolare un forte incremento dei veicoli a zero emissioni, sia auto che scooter, cresciuto di 3,5 volte negli ultimi tre anni: è passato dai circa 650 mezzi del 2015 ai più di 2.200 del 2017.

Una novità importante dell’ultimo anno, il 2017, è rappresentato dalla rapida diffusione dello scootersharing elettrico di cui eCooltra (che ha sostenuto il rapporto dell’osservatorio) è uno dei principali attori italiani. Ha guidato la crescita degli scooter elettrici complessivi a disposizione di ben il 68%: servizio considerato di nicchia ma con notevoli potenzialità.

I numeri di eCooltra

Con oltre 300mila utenti in Europa in soli due anni, il servizio è attualmente presente a Barcellona, Madrid, Lisbona, Roma e Milano e conta su una flotta di circa tremila scooter elettrici che verrà ampliata entro l’anno. Un fenomeno che rappresenta al momento, secondo i dati raccolti in Italia, solo l’1% dei veicoli in sharing ma che è appunto in rapida crescita: una realtà che sta conquistando la fiducia di un numero sempre maggiore di utenti.

Siamo orgogliosi di poter rappresentare, raccontare e promuovere un cambiamento in grado di produrre benefici per il singolo e per la collettività – spiega Maurizio Pompili, country manager eCooltra in Italia – il servizio di sharing di scooter ad emissioni zero di eCooltra offre un approccio nuovo, flessibile e sostenibile alla mobilità nei centri urbani incontrando il favore di un sempre maggior numero di utenti che scelgono il rispetto dell’ambiente e la semplicità di muoversi nel traffico senza stress”.

La diffusione del servizio di scooter sharing effettuato con veicoli elettrici ci conferma che esiste una forte sinergia tra condivisione ed elettrificazione della mobilità – ha detto Massimo Ciuffini, Coordinatore tecnico dell’Osservatorio Sharing mobility – entrambi i fattori portano a ridurre gli impatti della mobilità sull’ambiente e a rendere maggiormente vivibili le nostre città“.

eCooltra è il servizio più utilizzato dagli utenti. Durante i primi due anni di vita sono stati percorsi un totale di 5.152.000 chilometri: di tutti questi chilometri, nessuno di questi ha emesso CO2, poiché l’energia che utilizzano le batterie dei motocicli è pulita al 100%. Anche i mezzi utilizzati per la logistica e per gli interventi degli “swappers”, cioè gli addetti alla sostituzione delle batterie degli scooter, sono ad alimentazione elettrica, quindi non c’è emissione di CO2 nel corso dell’intero processo con un risparmio totale di oltre 370 tonnellate di CO2 nell’atmosfera.

Trenta minuti omaggio

La partnership con l’Osservatorio Nazionale sulla Sharing Mobility non si limita alla collaborazione in fase di analisi: eCooltra propone Osservatorio30, un codice promozionale da utilizzare in fase di iscrizione al servizio attraverso l’app eCooltra che dà modo all’utente di avere immediatamente trenta minuti gratuiti di utilizzo dello scooter elettrico a Milano e Roma. Attraverso l’app, una volta che si è stati attivati a diventare “riders”, si può accedere all’area del menu Minuti Omaggio dove si potranno non solo visualizzare i propri minuti gratuiti accumulati ma anche invitare i propri amici a unirsi al servizio così da accumulare ulteriori trenta minuti per ciascuno di loro una volta che effettueranno la loro prima guida.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter