immagine-preview

Mag 23, 2018

Il suo nome è Wayaland, il primo villaggio vacanze galleggiante ecosostenibile

Abitazioni, negozi, cinema, palestre, un campo da calcio e una spa: Benvenuti a Wayaland! il primo villaggio vacanze galleggiante che si erge sulla base portante di una piramide in stile Maya concepito come una città autoecosostenibile

Il suo nome è Wayaland ed è una struttura fluttuante progettata su una superficie quadrata di 54 metri di lato. Il livello inferiore dell’hotel centrale ospita un ingresso per le imbarcazioni e una reception mentre il resto delle attività si snoda sugli altri piani. Il tutto è costruito modularmente per raggiungere un massimo di 30 metri di altezza e una superficie complessiva di 6.500 metri quadrati. Wayaland è concepito come una città autoecosostenibile: gli edifici sono forniti di pannelli solari e il complesso di turbine idriche per generare energia sfruttando le correnti marine. Un modulo da 10 metri di lato per un totale di 2 piani e un costo preventivato di 350mila euro. I contribuenti parteciperanno all’inaugurazione della città, prevista nel 2022, e potranno votare per decidere dove ancorare la prima Wayaland, scegliendo tra un elenco di location che comprende anche l’Italia, inoltre potranno prenotare in anticipo un soggiorno a 1000 € per notte.

 

Il progetto – Un resort nel mare

 

 

Pierpaolo Lazzarini, l’architetto autore del progetto, ha deciso di lanciare attraverso il proprio sito una campagna di crowdfunding per finanziare la costruzione del primo villaggio turistico galleggiante, un modulo da 10 metri di lato per un totale di due piani con un costo preventivato di 350 mila euro, che si trasformerà in una suite di lusso. Wayaland è un progetto concettuale di Lazzarini Design che attualmente è in fase di raccolta fondi per i suoi primi prototipi offrendo agli investitori, in cambio dei finanziamenti la cittadinanza Waya.

Gli edifici di Wayaland si ispirano nelle forme alle piramidi dei Maya e ai templi giapponesi e ci si potrà arrivare sia via mare, con motoscafi, yacht e altre imbarcazioni a motore, sia per via aerea, trasportati da droni che ricordano le astronavi dei film di fantascienza.

 

 

Le Piramidi galleggianti

 

 

Osservando i rendering, le piramidi principali saranno appoggiate su unità galleggianti di 3mila metri quadrati con una porta d’accesso per le imbarcazioni, sormontate da dieci piani che si estenderanno a 30 metri sopra la linea di galleggiamento. Avranno scivoli e cascate con l’acqua che precipiterà giù per i livelli, mentre le camere da letto saranno ai livelli superiori, con gli ospiti che vengono mostrati in arrivo con elicotteri avveniristici, tondi. Altre piramidi di grandi dimensioni contengono campi sportivi galleggianti, mentre una flottiglia di strutture galleggianti più piccole ospitano camere da letto e bar. Gli edifici possono avere anche delle parti sommerse, con stanze, ristoranti o camere sott’acqua, per stare in mezzo ai pesci. Dalle piramidi scendono sull’acqua anche degli scivoli per il divertimento. Il villaggio di piramidi galleggianti è stato pensato in modo da essere autonomo e dal punto di vista energetico e sostenibile per l’ambiente, con l’utilizzo di pannelli solari, che ricoprono gli edifici, e di turbine acquatiche per produrre energia sfruttando le correnti marine.

 

 

I materiali

 

 

Realizzato in fibra di vetro, carbonio e acciaio, ogni livello può essere aggiunto in situ una volta che il basamento è stato ancorato in posizione sul mare. Ogni grande piramide avrà un motore e propulsori nel seminterrato, quindi la piattaforma può essere manovrata indipendentemente in un’altra posizione. Parliamo inoltre di una struttura completamente autosufficiente. Pannelli solari e turbine idrauliche potranno generare energia, un dissalatore sarebbe stato immagazzinato sotto il livello principale per fornire un approvvigionamento idrico, e giardini galleggianti potrebbero essere usati per coltivare cibo.

 

 

I costi

 

 

Trattandosi di un Resort a cinque stelle, l’ideatore stima il costo della costruzione della prima suite di hotel per Waya a 306.908 sterline. Attualmente sta raccogliendo fondi per costruire un modulo di soli due piani, consentendo ai potenziali ospiti di preordinare un soggiorno nella camera d’albergo galleggiante a 877 sterline a notte. Gli investitori nel progetto di crowdfunding riceveranno un passaporto per Waya, che vale come invito all’inaugurazione nel 2022.

In più, ciascun finanziatore del progetto potrà anche votare per scegliere uno dei luoghi del mondo dove ancorare la prima piramide Wayaland, sul sito web del progetto Waya.it sono indicate diverse località nei diversi continenti, tra le quali c’è anche l’Italia.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter