immagine-preview

Mag 22, 2018

Una struttura a nido d’ape per gomme da bici che non si devono gonfiare

I particolari copertoni sono stampati in 3D con il filamento ProFlex dall'azienda berlinese BigRep. Sono flessibili, resistenti e durano nel tempo

Già il fatto che siano stampati in 3D li rende un’innovazione non da poco per essere dei pneumatici da biciletta. Se poi ci aggiungiamo che di pneumatico hanno ben poco dato che non si gonfiano con l’aria, possiamo capire perché la novità dell’azienda berlinese BigRep potrebbe semplificare di molto la vita degli appassionati di biciclette. Alla base della tecnologia l’utilizzo di uno speciale filamento, il ProFlex, che ha permesso la realizzazione del prototipo.

© BigRep

Mai più gonfiatori

La possibilità di dire addio per sempre ai gonfiatori è assicurata dal fatto che la struttura è a nido d’ape con tre strati e può essere modificata in base alle esigenze: sia se la bicicletta deve andare in montagna o deve servire a raggiungere alte velocità; se deve affrontare la pioggia o il sole. Il designer del prodotto Marco Mattia Cristofori nel presentare il prodotto ha precisato: «Anche piccole modifiche nella percentuale di riempimento o nella struttura possono portare a cambiamenti nei risultati in termini di peso o performance».

Le caratteristiche del ProFlex

Il ProFlex che viene utilizzato per la realizzazione delle gomme è un elastomero termoplastico molto più flessibile di altri materiali utilizzati per la stampa in 3D, è più resistente alle alte e alle basse temperature e dura di più. Questo materiale potrebbe tornare utile nell’intero settore dell’automotive, per qualsiasi parte dei mezzi di trasporto che necessitano di essere flessibili, come le maniglie delle porte o il rivestimento dei cavi. Applicato alle biciclette consente di non avere mai il problema di ritrovarsi con le gomme sgonfie proprio quando si ha fretta di montare in sella. Al momento, come ha detto Maik Dobberack di BigRep a CNET, non è prevista una produzione di massa di questo tipo di gomme. «L’obiettivo principale del design è stato ispirare ed esplorare le infinite possibilità della stampa in 3D su larga scala», ha detto.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter