immagine-preview

Giu 15, 2018

Addio a interruttori e joystick: arrivano i muri smart

Chiamate "Wall ++", le pareti intelligenti ci permetteranno di controllare luci, videogame e Tv con i gesti

Le case del futuro saranno connesse e intelligenti e ogni elemento al loro interno avrà lo scopo di rendere le attività quotidiane più semplici e intuitive. Anche le pareti.

Arriva dai laboratori della Carnegie Mellon University infatti, Wall++, il muro smart realizzato in collaborazione con la Disney Research, che promette di cambiare per sempre i concetti di smart home e di gaming.

Potrete dire addio a interruttori e joystick: la tecnologia, presentata per la prima volta alla Conference on Human Factors in Computing Systems di Montreal, trasforma infatti le pareti in strumenti che permettono di controllare luci, videogame e tv con dei semplici gesti.

Muri intelligenti

«I muri sono di solito la superficie più grande di una stanza, ma li usiamo solo come divisori, o al massimo per appoggiarvi scaffali e appendervi quadri» ha detto Chris Harrison, a capo del team di ricerca della Carnegie Mellon University. «Quando l’internet delle cose diventerà realtà – ha aggiunto – i muri potranno diventare parti attive dei nostri ambienti di vita e di lavoro».

Per far sì che questo accada, i ricercatori hanno studiato una soluzione che integra la tecnologia con elementi di uso comune e dal costo relativamente basso.

La tecnica è quella dei campi elettrici che è alla base degli schermi capacitivi dei nostri smartphone e della ricezione dei segnali Airborne EM. In pratica, i ricercatori hanno disegnato sulla parete una griglia di circuiti elettrici, realizzando così un grande sensore capacitivo. Tutte le apparecchiature elettriche generano un campo elettromagnetico e dunque, potremo utilizzare il muro sia come touchpad, che da sensore, per rilevare e controllare dispositivi elettrici ed elettrodomestici. È possibile seguire l’intera procedura in questo video.

 

 

Sopra alla struttura, è stata passata una vernice a base di acqua e particelle di nichel, in grado di condurre elettricità. Una volta terminata la verniciatura speciale si connette, come si vede nel video, ad una scheda elettronica, che provvede a misurare le variazioni del campo elettrico.

I ricercatori hanno rinunciato a vernici costose, come quelle contenenti argento, vista anche l’elevata estensione delle superfici. Per nascondere il tutto poi (e per migliorarne la durata), il muro è stato rifinito con un rivestimento in vernice acrilica. Secondo gli ideatori di Wall++, si può realizzare una parete intelligente a un costo di 20 dollari al metro quadrato.

A cosa serve

Il risultato finale dunque, è una parete che può funzionare come schermo tattile e come sensore. Se indossiamo però un sensore che emette anch’esso una firma elettromagnetica, il muro potrà anche “leggere” i nostri movimenti, permettendoci di controllare con i gesti tutti gli elementi della casa.

Questo apre il campo ad una serie di innovativi utilizzi per le nostre pareti. Si potranno, ad esempio, eliminare o spostare gli interruttori della luce, controllare i videogiochi coi gesti, comandare l’accensione di lavatrice, o altri elettrodomestici da remoto, controllare i consumi di energia e la temperatura esterna e avviare il sistema di climatizzazione.

Inoltre, il sistema potrebbe monitorare gli elementi della nostra casa, regolando i livelli di luce quando viene acceso un televisore o segnalando il momento in cui si spegne il forno. Il tutto, mentre voi siete comodamente seduti sul vostro divano.

@antcar83

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter