immagine-preview

Lug 5, 2018

Una SIM per l’estate: come scegliere la tariffa più conveniente per lo smartphone nella bella stagione 2018

Tra nuovi arrivi, Iliad e Ho. in testa, e vecchie abitudini: qual è l'offerta mobile migliore e come scovarla

Operatori, operatori virtuali, winback e tariffe combinate fisso+mobile. Orientarsi nel mondo della telefonia si è fatto complicato, con listini che si aggiornano quasi settimanalmente e offerte dedicate a chi passa da un operatore all’altro. Più spesso sono proprio queste le situazioni in cui si riesce a strappare l’offerta migliore: ovvero quando si decide di cambiare gestore. Ma tutto dipende (anche) da cosa è davvero importante per ognuno di noi: minuti per parlare, SMS o traffico dati?

Le offerte di TIM, Vodafone, Wind-Tre e Iliad

Sono quattro gli operatori principali attivi in Italia, ognuno con una licenza e frequenze dedicate su tutto il territorio. Agli storici TIM e Vodafone (un tempo Omnitel), nel tempo si sono affiancati Wind e Tre – anche se questi ultimi due si sono trasformati recentemente in un solo operatore che opera con due brand sul mercato. Liberatosi “un posto”, ha fatto il suo debutto nel Belpaese Iliad: l’operatore francese ha preso il posto di Tre, ha acquisito le frequenze lasciate libere dopo la fusione Wind-Tre, e da quest’ultimo soggetto ha acquisito anche una parte dell’infrastruttura di rete.

Leggi anche: Iliad è pronta. Chi sarà il quarto operatore mobile italiano

Come scegliere? Se vivete fuori dalle grandi città, le migliori garanzie in termini di copertura le offrono TIM e Vodafone: sono questi due operatori a poter vantare la rete più aggiornata, frutto di investimenti continui, e che arrivano anche nelle zone meno battute.

Vodafone e TIM

Fatte salve le offerte a listino ufficiali, per TIM e Vodafone i vantaggi massimi si ottengono se si proviene da altro operatore. Soprattutto TIM ha messo in piedi un pacchetto interessante per chi arriva da Wind, Tre, Iliad o altri operatori virtuali: TIM Ten Go New a regime costa 10,82 euro al mese a fronte di 1.000 minuti di chiamate e 30GB di navigazione 4G+. Se a casa si naviga in fibra o ADSL con TIM stessa, poi, si può chiedere un bonus ulteriore di 5GB se si attiva l’autoricarica sul proprio numero mobile. Da sottolineare come questa tariffa non sia presente sul sito ufficiale TIM: per attivarla la soluzione migliore è andare in negozio.

Vodafone ha messo in pista due nuove offerte per chi sceglie di passare alla sua rete. Si chiamano Unlimited X2 e X3, e offrono rispettivamente chiamate illimitate e 5GB di traffico dati (più traffico illimitato su alcune app di messaging e mappe) a 9,99 euro, oppure 10GB di traffico dati per 11,99. Queste tariffe però sono valide se si paga con carta di credito o addebito SEPA sul proprio conto corrente: in caso si opti per una prepagata classica i costi salgono a 11,99 e 14,99 euro al mese – inoltre si ottengono solo 1.000 minuti di chiamate al mese.

Wind-Tre e Iliad

Se da un altro operatore scegliete di passare a Wind, invece, avrete accesso a due diverse tariffe possibili. La Smart 5 Easy 15 costa 5 euro al mese e offre 15GB di navigazione e traffico voce illimitato. Smart 7 Easy 30 costa 7 euro e offre 30GB di traffico dati. Un prezzo molto aggressivo, quindi, frutto evidentemente della pressione esercita dalla discesa in campo di Iliad. Il marchio gemello Tre mette in campo un’offerta molto articolata: tra tutte da segnalare senz’altro però la All-In Master Digital, che a 10 euro al mese (con vincolo di 24 mesi) offre chiamate illimitate, 1.000 SMS e 30GB. Tra le poche tariffe a comprendere ancora gli SMS, a partire da gennaio 2019 imporrà il pagamento di 1 euro al mese per navigare in 4G.

Di Iliad abbiamo già parlato ampiamente: per ora vale ancora l’offerta lancio da 5,99 al mese senza particolari vincoli e di fatto quasi tutto incluso. Chiamate ed SMS senza limiti, 30GB di traffico dati (2GB in più per navigare nei Paesi UE). Dalle prove da noi effettuate, a Milano e provincia non si sente troppo la differenza rispetto ad altri operatori: raramente si raggiungono le stesse velocità di punta, ma il servizio resta quasi sempre utilizzabile. Certo, per le performance massime – almeno per ora – meglio guardare altrove.

Leggi anche: Cambiare smartphone, cambiare operatore: guida pratica allo shopping

L’universo virtuali

Muoversi tra marchi e offerte nel mondo delle MVNO (Mobile Virtual Network Operator) può essere parecchio complesso. Quando si opta per questo tipo di offerte, che a dire la verità un tempo erano più invitanti ma che ultimamente sono andate uniformandosi a quelle degli operatori classici, bisogna innanzi tutto tenere conto di quale sia la rete MNO (Mobile Network Operator) a cui si appoggiano. Senza voler far torto a nessuno, cercheremo di offrire un quadro il più possibile ampio sui marchi più diffusi.

I Full-MVNO

Senza dubbio da tenere in conto ci sono le MVNO che fanno capo a TIM e Vodafone. Kena Mobile (già Noverca) per il momento paga il fio di una decisione che risale a un paio d’anni fa, con la navigazione limitata al 3G: una limitazione che dovrebbe sparire a fine estate, dunque chi ha voglia di rischiare potrebbe lanciarsi già oggi sulla tariffa Power che a 5 euro offre 1.000 minuti, 50 SMS e 20GB di traffico dati. Ho. (col punto, non è un refuso) invece si allinea con Iliad: 30GB e voce ed SMS illimitati, con un prezzo di 6,99 euro al mese. Anche in questo caso c’è una sorta di limitazione per la navigazione: sebbene la rete sia la stessa di Vodafone, i server Ho. limitano la velocità di punta a 60Mbit al secondo. Niente di tragico, comunque.

Altri due importanti MVNO, anche in termini di numeri di abbonati, sono Fastweb e Poste Mobile. Il primo si appoggia alla rete TIM, e risulta particolarmente vantaggioso per chi ha linea Fastweb anche a casa: in questo caso si può scegliere tra un pacchetto da 300 minuti + 10GB o 1.000 minuti + 3GB sempre a 5,95 euro. Chi vuole di più deve sborsare 10,95 euro per minuti illimitati e 20GB di traffico dati. Per tutte le offerte c’è anche un pacchetto da 100 SMS compreso, oltre alla navigazione via WiFi negli hotspot WOW FI.

 

Molto articolato anche il listino Poste Mobile, che invece si appoggia su rete Wind. Al momento si può scegliere il pacchetto modulare CREAMI con diverse opzioni (e un complicato sistema di credit da dividere tra voce, SMS e dati): se si opta per CREAMI neXt 6 si anticipano 60 euro per 6 mesi di servizio, ottenendo 30GB di traffico dati al mese e chiamate ed SMS illimitati. Senz’altro è questa la formula più conveniente, anche se si rimane di fatto vincolati per 6 mesi alla volta – si può optare per passare ad altre cadenze di rinnovo rinunciando però a un po’ di gigabyte di traffico.

Le MVNO della GDO

Infine, due MVNO legati a due insegne della grande distribuzione. Coop Voce (rete TIM) al momento offre un pacchetto formato da chiamate illimitate, 200 SMS e 8GB di traffico a 10 euro al mese: non un’offerta particolarmente invitante per quanto attiene i dati, ma che può essere rinforzata con una Carta Estate Web che a 5 euro mette a disposizione altri 10GB da consumare in 30 giorni dalla data di attivazione. 1Mobile (già Carrefour Mobile) invece si appoggia alla rete Vodafone ma limitata al 3G: come nel caso di Kena non è il caso di escluderla a priori, si possono ottenere comunque performance interessanti con HSDPA, e l’offerta economica Special Limited Edition per 9,9 euro al mese offre traffico voce illimitato e 30GB di dati.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter