Social Innovation

Patamù online: ecco come gli artisti e i maker italiani possono proteggere le loro idee

Dall’idea di un fisico romano la piattaforma online per proteggere la creatività delle startup e dei fablab prima che il loro lavoro diventi pubblico.

Il problema è più diffuso di quanto non si creda, ma spesso, creativi, makers, programmatori e scienziati, hanno paura di diffondere le loro idee. Sì, perchè c’è una fase, precedente alla prototipazione, precedente alla pubblicazione, al deposito del brevetto o alla diffusione del prodotto finito, quella appena dopo l’intuizione, in cui è necessario condividere la propria idea per raffinarla, cercare collaboratori e finanziatori, esponendosi al rischio che qualcuno se ne appropri.

patamu

Proteggersi dal plagio

Per ovviare a questo problema un gruppetto di scienziati (e artisti) romani, ha creato una piattaforma per la marcatura temporale delle opere dell’ingegno che una volta stampigliate digitalmente con un metodo crittografico, le mettono in cassaforte e così le proteggono dal plagio e da furti veri e propri. Si  tratta insomma di un nuovo metodo di protezione della paternità delle opere che sta via via soppiantando altre forme di tutela del diritto d’autore come la raccomandata a mano, la lettera protocollata al capo dello stato, il deposito presso gli enti accreditati. Il nome dell’iniziativa? Patamù. Il sito? Patamu.com.

Inizialmente pensato per artisti e musicisti, realizzato con un piccolo contributo della Free Hardware Foundation, il metodo è diventato un servizio fruibile attraverso una piattaforma online e adesso ha circa 6000 utilizzatori e 14.000 progetti depositati anche grazie al successo ottenuto l’anno scorso alla Maker Faire di Roma.

Come funziona Patamù

“Per capire meglio come funziona” ci dice il fisico romano Adriano Bonforti che ha avuto l’idea, “possiamo dire che la marcatura temporale è un sistema tecnologicamente avanzato che attraverso l’uso di chiavi crittografate permette di stabilire la data certa con cui si è effettuata la dichiarazione di paternità di un’opera.”

“Quindi – continua – è l’equivalente esatto del deposito notarile o del deposito SIAE di una propria opera per dimostrarne la paternità: liberamente, a qualsiasi ora, in condizioni economicamente sostenibili.”

Adriano Bonforti

Fair Pay: decidi tu quanto e come pagare i servizi che chiedi

I servizi di Patamu sono infatti disponibili in modalità “fair pay”. Cioè, ogni servizio ha un prezzo dichiarato, la “giusta somma” per ripagare il lavoro che c’è dietro e migliorare il progetto, lasciando però gli iscritti liberi di scegliere da soli il valore che essi stessi danno al servizio.

Per chi lo richiede inoltre, una prima consulenza e assistenza legale Patamù la offre gratuitamente ai makers, agli startuppers e ai creativi che si rivolgono alla piattaforma.

E si fa tutto online. Una volta assicurata la tutela dell’opera, si è liberi di decidere come diffonderla e condividerla con diversi livelli di protezione: dal full copyright al public domain passando per “alcuni diritti riservati” di Creative Commons.

Una cassaforte online

Ovviamente parliamo di opere espresse in un formato narrativo: quindi parliamo di progetti, disegni, saggi scientifici, codice informatico, di software e di interfacce. Parliamo di opere tutelate dal diritto d’autore (copyright nei paesi anglosassoni e di Common Law). Non stiamo parlando di brevetti, cioè di quella forma di espressione dell’ingegno umano che tutela un prodotto o un processo innovativo con carattere di inventività riproducibile a livello industriale. Quello lo fanno ancora gli Uffici Brevetti di tutti i paesi. Ma Patamù può essere la cassaforte per proteggere ciò che non è brevettabile: interfacce, creazioni estetiche, schemi regole e metodi per compiere attività intellettuali, come metodi matematici e sanitari, giochi e “scoperte” di ciò che è presente già in natura ma non è noto.

Insomma un metodo facile, veloce e sicuro di “liberare le idee”, non di metterle in gabbia. Perchè una cosa è certa: se l’opera è protetta, nessuna azienda, big company o major potrà appropriarsene, ma potrà essere diffusa in rete, condivisa, migliorata, e messa a disposizione di tutti. Che è il vero spirito hacker della società dell’informazione, quello spirito che rende il Bel Paese orgoglioso delle sue Startup.

Arturo Di Corinto

Ti potrebbe interessare anche

10 vignette del 1900 che immaginavano il futuro (conservate da Isaac Asimov)

Nel 1899, Jean-Marc Côté diede vita ad un progetto ambizioso, chiamato “En l’An 2000”: provare ad immaginare (e illustrare) come sarebbe stata la vita cent’anni dopo. Un set straordinario di vignette conservato anche da Isaac Asimov.

Furl, il padiglione psico-cinetico mosso e controllato dai nostri pensieri

La Responsive Architecture, o architettura reattiva, propone strutture smart che si modificano sulla base delle caratteristiche delle persone che ospitano. Come Furl, il padiglione di ultima generazione che si controlla con il pensiero.

Il Titanic tornerà a solcare il mare nel 2018 (ma arriverà a Dubai)

Clive Palmer, 61 anni, proprietario di Mineralogy e Blue Star Line, membro del Parlamento australiano, ha deciso di ricostruire la copia esatta della nave naufragata nel 1912. Sarà costruita in Cina e, nel 2018, attraverserà il Pacifico per arrivare a Dubai

Jack Conte, il gene italiano della creatività negli USA in una startup di successo: Patreon

La piattaforma di crowdfunding per artisti indipendenti, in attività dal maggio 2013, conta ad oggi circa 15mila creativi e un fatturato di oltre 25 milioni di dollari.

Piccole, numerose e specializzate nel gaming: il ritratto delle scaleup finlandesi

Secondo il rapporto di Mind The Bridge e Startup Europe Partnership il 18% delle realtà imprenditoriali del Paese nordico è attivo nei videogiochi. Notevole anche l’interesse estero sulla tecnologia prodotta, con 48 acquisizioni negli ultimi 6 anni

Con Alfonsino ordini il cibo sulla chat di Facebook

La startup di Caserta ha sviluppato una piattaforma che ha l’obiettivo di raccogliere ordini per i prodotti dai migliori ristoranti cittadini. Grazie solo a due chiacchiere su Facebook Messenger