L'app che ti fa digerire le code (o le attese) con un racconto immagine-preview

Lug 19, 2016

L’app che ti fa digerire le code (o le attese) con un buon racconto

"Storie in Coda" è un'applicazione gratuita realizzata dalla casa editrice Follie Letterarie. La missione è intrattenere con un buon racconto che non duri più di 6 minuti. Ma se si ha tempo, si può arrivare anche a 15.

Siete talmente assorbiti da Pokémon Go che non vi ricordate che forma ha un libro? Un’app potrebbe aiutarvi a ritornare alla realtà. Si tratta di “Storie in Coda“, un’applicazione gratuita realizzata dalla casa editrice Follie Letterarie. La missione è intrattenere con un buon racconto che non duri più di 6 minuti. Se si ha tempo, si può arrivare anche a 15.

Di-cosa-parlare-con-una-ragazza-su-Whatsapp-5

Come funziona l’app

L’app raccoglie una serie di brevi racconti che non superano mai le 4.000 parole. I racconti sono divisi per generi letterari: noir, gialli, horror, ce n’è per tutti i gusti. Ci sono due categorie principali: i Racconti in Piedi, che si leggono in un massimo di 6 minuti e non superano le 700 parole, e i Racconti in Relax che arrivano fino a 15 minuti. Gli autori dei racconti sono stati selezionati dalla casa editrice: vengono da tutta Italia, hanno curriculum variegati, alcuni sono esordienti e altri no (ma nessun autore famoso è in repertorio, al momento).

Al momento non ricevono alcun compenso e cedono i diritti fino al 31 dicembre 2016. Tuttavia Eleonora Morrea, editrice e ideatrice dell’app, ha una visione sul futuro dell’app: “Cercheremo di monetizzare l’app inserendo della pubblicità. E se per adesso abbiamo avuto i racconti senza corrispondere un compenso, speriamo che il successo dell’app ci permetta di pagare i nostri scrittori”.

Woman inside the Tram

La tecnologia in supporto della lettura

Come tutti gli editori Morrea combatte per riavvicinare le persone alla lettura, sfruttando il digitale invece di demonizzarlo. “Lo smartphone non è un nemico, tutto dipende dall’utilizzo che ne facciamo. Basta trovare il modo per metterlo al servizio della letteratura”. Così mentre in Francia i racconti brevi vengono distribuiti da totem nelle fermate della metro (progetto che ha ispirato Morrea), con “Storie in Coda” l’intrattenimento letterario è già sul nostro smartphone. L’app è disponibile da pochi giorni su Apple Store e Google Play.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter