Dimagrire con un soffio. Da oggi è possibile grazie a Lumen
single.php

Ultimo aggiornamento il 28 agosto 2018 alle 12:22

Come funziona Lumen il device che ti fa dimagrire con un soffio

Lumen misura il metabolismo e ti dice cosa mangiare e quando. Per combattere i chili in eccesso e mantenersi in forma, con risultati stabili nel tempo

Un dispositivo in grado di far perdere peso analizzando il respiro: Lumen è l’ultima novità da sfruttare per chi desidera dimagrire o tenersi in forma in modo efficace. La scienza che ha dato vita a questo progetto si basa sullo studio del metabolismo e dei suoi cambiamenti, diversi da persona a persona, perché influenzato da vari fattori. Ad esempio da genetica, età, sesso, stile di vita, sonno, esercizio fisico, condizione psicologica. Ma anche dall’alimentazione quotidiana, dalle abitudini alimentari e dalla flessibilità metabolica.

La flessibilità metabolica è la capacità dell’organismo di passare dal metabolismo glucidico a quello lipidico. Il corpo infatti ricava l’energia di cui ha bisogno da tre elementi principali: carboidrati, grassi e proteine. Le proteine non sono la prima fonte di energia, perché vengono utilizzate principalmente per funzioni strutturali. L’organismo così si affida al glucosio e ai grassi per svolgere le sue varie funzioni, passando dall’uno agli altri a seconda dei nutrienti disponibili e del tipo di attività. Utilizzando Lumen si punta a migliorare la flessibilità metabolica, in modo ovviamente del tutto personalizzato.

Come funziona Lumen

Quando sono presenti grandi quantità di glucosio, il corpo lo utilizza per produrre energia. Al contrario, quando i livelli di glucosio sono bassi, vengono utilizzati gli acidi grassi. Come illustrato sul sito di LumenIl corpo genera più del doppio dell’energia da un grammo di grasso che da un grammo di carboidrati, ma ne richiede meno per la loro sintesi. Per questo motivo i carboidrati rappresentano la fonte di combustibile più efficiente dell’organismo e le loro riserve regolano l’uso del combustibile metabolico. Se questa “riserva” di carboidrati però è già al completo, e se ne assumono altri attraverso l’alimentazione, la quantità in eccesso si trasforma in grassi.

A seconda della riserva che sta utilizzando, si determinano delle variazioni nel rapporto tra ossigeno e anidride carbonica. Il quoziente respiratorio è ciò infatti che viene registrato da Lumen, così da determinare cosa mangiare a seconda del momento della giornata e dell’obiettivo da raggiungere. Che sia perdere peso, mantenerlo, aumentare la massa muscolare oppure ottimizzare l’allenamento fisico.

Con un soffio la mattina, emesso all’interno del dispositivo dopo aver trattenuto l’aria per dieci secondi, vengono misurati i livelli di anidride carbonica presenti. Seguendo determinati parametri si può quindi stabilire cosa il corpo stia bruciando e pianificare il piano alimentare per tutta la giornata. Se utilizzato prima dell’attività fisica, Lumen può indicare se l’energia è sufficiente oppure se c’è necessità di uno snack per migliorare le prestazioni. Tramite l’app dedicata si possono inoltre ottenere consigli per il proprio benessere e ricevere feedback dagli esperti sul proprio percorso.

Una tecnologia che ha raccolto milioni di dollari

La misurazione del quoziente respiratorio non è di certo una novità, ma solitamente richiede tempo e particolari attrezzature. Così come non lo è neanche l’idea di un dispositivo di questo genere. PATH Breath+Band, simile a Lumen, venne lanciato un paio di anni fa su Kickstarter, ma successivamente alla campagna se ne persero le tracce.

Lumen, il dispositivo per mantenersi in forma

Le ideatrici di Lumen- le sorelle gemelle Merav e Michal Mor, entrambe dottoresse di ricerca in fisiologia- insieme a un team di esperti nutrizionisti, ingegneri e designer che hanno dato vita alla startup israeliana MetaFlow Ltd, hanno studiato il dispositivo per ben quattro anni, raccogliendo circa 7 milioni di dollari da diversi investitori. Lumen può contare su vari studi, realizzati sia internamente all’azienda che da istituti indipendenti. Inoltre la sua effettiva efficacia è stata testata con 300 beta users, ottenendo la media di 3 kg persi nei primi 30 giorni di utilizzo. Semplice da usare e comodo da tenere in borsa, può vantare una tecnologia, capace di dare risultati con un solo soffio, per la quale è stato richiesto il brevetto

La campagna su Indiegogo

Lanciato sulla piattaforma di crowdfunding Indiegogo, Lumen ha raccolto oltre un milione e seicentomila dollari in poco più di un mese. Il prezzo sul mercato sarà di 299 dollari, ma è ora disponibile con uno sconto. Le spedizioni sono previste per marzo 2019. Riuscirà Lumen a sfondare dove altri hanno invece fallito? I presupposti, per il momento, sembrano esserci tutti.

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter