immagine-preview

Nov 8, 2018

In arrivo la bici elettrica firmata Tesla

Lo dice Elon Musk parlando di mobilità. Ma prima critica la categoria degli scooter elettrici “Non hanno dignità”, e poi apre le porte alle e-bike con una breve frase: “bicicletta elettrica, penso che potremmo fare una bici elettrica, sì”

Elon Musk non sta mai fermo: l’ultima è che Tesla potrebbe realizzare bici elettriche di alta gamma. Il patron del brand di auto elettriche sportive (non più presidente ma solo CEO), di Space X (razzi spaziali), di Boring Company (tunnel), di Gigafactory e di tante altre imprese avveniristiche, ha dichiarato in una recente intervista: “penso che dovremmo proprio realizzare una bici elettrica”.

“Electric bike, I think we might do an electric bike, yeah”, così risponde Musk a Kara Swisher che lo intervista sul magazine Recode sulla mobilità urbana e sui progetti del prossimo futuro. Anche perché è proprio in questo segmento che Elon Musk può fiutare un affare, dal momento che le bici elettriche sono sempre più diffuse negli Stati Uniti ma nessuno le produce.

E-bike Tesla

Ma come potrebbe essere una e-bike firmata Tesla? Di certo innovativa non solo nel design, ma  futuristica nelle potenzialità. A questo ci ha provato Kendall Toerner l’industrial design, che ha mandato al sito Elektrek un render di una ipotetica bici Tesla a pedalata assistita, chiamata Model B (dove B sta per Bike).

Il risultato del progetto di Toerner è molto interessante oltre che di una eleganza esclusiva, con manubrio a T, display allungato sul canotto, due motori ben nascosti nelle ruote e un telaio molto originale perché pieghevole. Tesla si metterà davvero a produrre bici elettriche di alta gamma? Al solito, non è chiaro se quella di Musk è una battuta o una anticipazione. Di certo la casa americana ha risorse e tecnologia per mettersi a sfornare e-bike stilose e veloci.

Il business delle e-bike negli USA

Il perché Musk veda un potenziale business nel settore delle bici elettriche è presto detto: le biciclette elettriche sono sempre più diffuse negli Stati Uniti, dove nessuno le produce. Vengono importate e i prezzi sono appesantiti dai dazi dell’Amministrazione Trump sulle importazioni. È qui che entra in gioco Tesla, che dispone già degli strumenti necessari, dalla catena di approvvigionamento alla manodopera qualificata necessaria per realizzare in casa prodotti di questo tipo. Anzi, considerate le competenze aziendali, sfruttarle per produrre una bicicletta elettrica con brand Tesla sarebbe relativamente facile. 

Non sappiamo quanto di tutto questo diventerà realtà. Quello che è certo è che quando c’è di mezzo Musk il focus non è più “creare un prodotto”, ma trovare il prodotto capace di rivoluzionare il futuro dei trasporti.

Non è più costruire un mezzo di trasporto, ma realizzare un’impresa tecnologica che cambi il futuro di un’industria, qualcosa di fortemente innovativo e leggendario.

Stiamo seguendo un percorso per offrire una gamma di prodotti più entusiasmante di qualsiasi altra azienda del mondo“, afferma Musk.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter