immagine-preview

Nov 21, 2018

Instagram, chi compra follower sarà cancellato dalla piattaforma

Nuova offensiva della piattaforma che "svuoterà" gli account di chi usa app di terze parti per pompare il profilo: via like, commenti e follower

Instagram vuole fare sul serio con il dramma dei follower fasulli. E soprattutto di chi li acquista. Da adesso in poi i giochi si faranno seri. La piattaforma, da poco guidata da Adam Mosseri, braccio destro di Mark Zuckerberg già stratega della bacheca di Facebook, ha infatti annunciato che inizierà a svuotare i profili che usano applicazioni di terze parti per gonfiare la propria popolarità. Saranno eliminati i like guadagnati in modo non trasparente così come i follower e i commenti.

 

Un messaggio di allerta

Non solo. Chi fa indigestione di follower finti o sfrutta appunto applicazioni il cui unico scopo è pompare il proprio account riceveranno una comunicazione nella quale saranno informati che la loro attività artificiosa è stata rimossa. A questi account verrà anche chiesto di modificare la password, evidentemente condivisa con piattaforme terze, come elemento di sicurezza aggiuntivo.

Abbiamo costruito una serie di strumenti di intelligenza artificiale per aiutarci a identificare gli account che sfruttano questi servizi e rimuovere le attività non autentiche – si legge in un post sul blog ufficiale – questo tipo di atteggiamento è pessimo per la comunità e le applicazioni esterne che sfornano like, follow e commenti finti violano le nostre linee guida e le condizioni d’uso”. Instagram non ha citato nello specifico di quali applicazioni si tratti ma basta fare un giro sugli store, e sul web, per tirarne fuori diverse, da FreeFollower a Captivate sia per Android che per iOS.

Rischio sospensione

Le persone si collegano ogni giorno a Instagram per avere esperienze reali e interazioni genuine – si legge nel blogpost – è dunque nostra responsabilità assicurare che queste esperienze non siano rovinate da attività non autentiche”. Chi sfrutta queste app e non cambierà password né smetterà di usarle rischia anche di vedersi cancellare o sospendere l’account: “Fin dall’inizio di Instagram abbiamo individuato in autonomia e rimosso i fake account per proteggere la comunità – si legge nel post – quello di oggi è un solo un altro passo utile a mantenere Instagram una comunità vivace di persone che si collegano in modo autentico”. Altre (durissime) novità sul tema arriveranno nelle prossime settimane.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter