immagine-preview

Dic 22, 2018

Piero Angela compie 90 anni. Cinque aneddoti sulla sua vita

Più che un semplice giornalista, padre di tutti i divulgatori televisivi. Quando si sente L'aria sulla quarta corda di Bach si pensa subito a lui. Questo perché è una vera e propria istituzione. Di più. Un monumento. E noi lo festeggiamo così

La sua immagine è indissolubilmente legata al sapere, alla scienza e alla conoscenza. Piero Angela, padre di tutti i divulgatori televisivi, noto soprattutto per il programma “Quark”, in realtà nei suoi 90 anni ha sperimentato con successo quasi ogni campo, dalla radio alle esperienze da corrispondente dall’estero – anche da alcuni fronti caldi -, fino ad arrivare alla sceneggiatura di un film per il cinema e a contrapporsi alle fake news quando ancora non erano argomento main stream.

 

 

Come i geni di altri tempi che lui stesso ha raccontato in TV, pensiamo a Leonardo o a Michelangelo, è insomma un vero enciclopedico, un gigante che abbiamo avuto la fortuna di conoscere ma non così a fondo come meriterebbe, per questo vogliamo fargli i nostri migliori auguri (il suo compleanno cade oggi, sabato 22 dicembre) raccontando cinque curiosità sulla sua vita, tratte dal suo libro autobiografico “Il mio lungo viaggio –  90 anni di storie vissute” (Mondadori edizioni).

Leggi anche: Calamità naturali: Fondazione Pesenti e SpeedMiUp cercano startup innovative

Un padre speciale: Carlo Angela

Che la famiglia Angela sia fuori dal comune ormai lo sappiamo. Alberto Angela, figlio di Piero, non solo ha saputo uscire dal cono d’ombra del padre, ma anche smentire con prove concrete le malignità sul fatto che il suo fosse tra i casi più spudorati di nepotismo, confezionando programmi di gran caratura apprezzati dal grande pubblico e – elemento ancora più eccezionale -, dai più giovani. Ma c’è un altro Angela fuori dal comune: Carlo, padre di Piero e nonno di Alberto. Medico dirigente della clinica di malattie nervosi e mentali a San Maurizio Canavese, durante la Seconda Guerra Mondiale rischiò la vita dando ospitalità, nei padiglioni del manicomio, a decine di ebrei, spacciati per internati e nascosti alle SS. La storia è stata raccontata nel libro Venti mesi, edito da Sellerio e scritto da uno dei finti pazienti del dottor Angela: Renzo Segre (internato come Sagrato).

A difesa dei truffati

Com’è noto, Piero Angela ha fondato il Cicap, un’organizzazione educativa senza fini di lucro che ha come scopo l’indagine sui cosiddetti fenomeni paranormali per dimostrare che non reggono la prova scientifica. Ma il Cicap in realtà ha un antenato “civico”. Dopo avere frequentato per diverso periodo la Svezia durante i 13 anni in cui fece il corrispondente dall’estero per la Rai, Piero Angela tornò in Italia avendo ben chiaro cosa contribuisse ad allargare la forbice tra il nostro Paese e il Nord Europa: la corruzione, il clientelismo e la facilità con cui le truffe attecchiscono. Propose così al professor Aldo Sandulli, ex presidente della Corte Costituzionale, di fondare una associazione a tutela del cittadino. Purtroppo, come lo stesso divulgatore scrive nel libro, il progetto non andò mai in porto: “in quello stesso periodo il Partito Liberale annunciò una iniziativa simile, così decidemmo di attendere qualche tempo per lanciare la nostra. Poi partii per una serie di documentari […] a distanza di anni, pur fra le molte cose che sono riuscito a realizzare, per questa, mai condotta in porto, conservo ancora un senso di colpa”.

Piero Angela trascinato in giudizio

Sempre sul filone che dimostra il suo attento contrasto alle fake news e la sua volontà di imporre il metodo scientifico su ciò che scientifico non è, c’è un aneddoto quantomai attuale. Per un servizio di “Super Quark” sull’inefficacia dell’omeopatia nel quale era stato detto che “l’omeopatia è acqua fresca” e ” per non aver fatto parlare i medici omeopati” violando così la regola della par condicio, Piero Angela ritrovò nella sua casella postale ben tre querele per diffamazione e fu trascinato in giudizio. Difeso dall’avvocato Giulia Bongiorno, oggi Ministro per la pubblica amministrazione nel Governo Conte, affrontò ben cinque processi e si confrontò con l’accusa serrata da un PM che, scrive nel libro “mi attaccò con notevole virulenza. Scoprii dopo (me lo disse lui stesso) che si curava con l’omeopatia. E così la sua famiglia. Meno male che non era il giudice!”. Già, perché ogni giudizio si concluse con puntuali assoluzioni piene.

 

 

Leggi anche: Gli organi-chip che riducono la sperimentazione animale

Le sue numerose morti…

A proposito di fake news, lo stesso Piero Angela che ha dedicato buona parte della sua vita a combatterle è stato più volte oggetto delle bufale veicolate dal Web. In diverse occasioni, su blog e testate di dubbia qualità è stata pubblicata la notizia della sua morte. Ma Angela, dotato di pungente ironia sabauda, l’ha sempre presa sul ridere, come racconta nella sua autobiografia: “una volta ero a Camogli per il Festival della Comunicazione organizzato da Umberto Eco. Poco prima dell’inizio ricevetti la telefonata del direttore dell’agenzia Adnkronos che voleva sincerarsi della veridicità della notizia. Cominciai così la conferenza dicendo: Purtroppo devo comunicarvi una notizia molto triste: non potrò tenere il discorso perché da notizie circolate su Internet risulto deceduto…“.

Piero Angela “l’edonista”

Nel 1988 l’aumento dei casi di AIDS dovuto alla scarsa conoscenza della malattia da parte delle persone e al fatto che i giovani non prendessero precauzioni prima di un rapporto sessuale spinse la Rai, ancora caratterizzata da una forte matrice democristiana, a veicolare alcuni spot a favore del preservativo: “la parola stessa creava imbarazzo e infatti fu chiamato profilattico”, ricorda Angela che fu coinvolto perché preparasse un programma di 10 minuti in cui inserire lo spot. “Andò in onda in prima serata sui tre canali Rai quasi a reti unificate come il presidente della Repubblica ed ebbe un ascolto record. Ci furono comunque malumori e proteste e il povero ministro della Sanità dell’epoca, in un’intervista al Corriere della Sera, per scaricarsi un po’ di responsabilità se la prese con me accusandomi di edonismo!”

 

 

Tanti auguri Piero Angela!

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter