TechMass: come il polpo Paul, la startup azzecca i risultati (dei macchinari) immagine-preview

Feb 10, 2019

TechMass, la startup che come il polpo Paul azzecca i risultati (dei macchinari)

Il software - che prende il nome dalla mascotte dei Mondiali in Sudafrica - è stato sviluppato per fornire dati sulla produzione alle PMI

«Il mio desiderio era di tornare in Italia per dare un contributo, aiutando le piccole e medie aziende manifatturiere a restare competitive sul mercato». I progetti di Andrea Massenz, Ceo e fondatore di TechMass, maturano proprio dalla conoscenza del settore sviluppata negli anni da questo ingegnere elettronico padovano che, dopo la laurea, ha lavorato prima in California e poi in Germania per grosse realtà che riuscivano a posizionarsi sul mercato grazie a tecnologie e macchinari. Tornato in Italia, anche sulla scia del Piano Calenda sull’industria 4.0, nel 2017 Massenz decide di dare vita alla sua startup per realizzare un software as a service che si differenziasse dai tradizionali Manufacturing Execution System (MES) in grado di supervisionare lo stato della produzione e dei macchinari. «Non siamo i soli che lo fanno: ma i nostri competitor offrono prodotti a prezzi troppo alti per imprese piccole. Noi offriamo un servizio a noleggio e a costi iniziali davvero competitivi». Specifiche che potranno migliorare dopo il primo round concluso a fine gennaio grazie ai finanziamenti della piattaforma B2B Gellify e dell’azienda padovana auxiell.

Cose fa TechMass

Si chiama Paul – proprio come il celebre polpo che azzeccava i risultati delle partite ai Mondiali in Sudafrica del 2010 – il prodotto che la startup TechMass ha realizzato e che finora viene utilizzato da 15 aziende tra Germania e Italia. Come ha spiegato a StartupItalia il Ceo, sono tre le caratteristiche di questo sotware: «Proponiamo un prodotto plug & play che non necessita di interconnessione con le macchine, ma che si installa in pochissimo tempo. Agli operatori che lavorano quotidianamente negli stabilimenti mettiamo poi a disposizione un’app chiara a sostegno del monitoraggio. Infine noi non vendiamo, ma diamo il nostro servizio a noleggio come un software as a service».

Ma quali sono le dimensione delle aziende con cui lavora TechMass? «All’inizio pensavo che mi sarei rivolto soltanto alle piccole imprese, ma notiamo che il prodotto interessa anche a realtà più grandi». A differenza di altri MES che richiedono anche 100mila euro per il primo anno, Paul richiede meno di 20mila euro e ha le stesse prestazioni». Grazie al primo aumento di capitale, questa startup potrà ora allargare il suo team che conta finora, oltre al CEO, soltanto una persona full time. «Grazie a questo round partirà anche lo studio di nuove soluzioni verticali della piattaforma Paul in ottica lean».

Leggi anche: La startup di Vicenza Things Mobile ha ideato la Sim per l’IoT e l’industria 4.0

Il ritorno in Italia

Con un curriculum impreziosito dalle esperienze estere Andrea Massenz ha optato per il rientro in Italia. «Quando ho preso questa decisione c’era il Piano Calenda sull’industria 4.0: ricordo che il clima di fiducia e i fondi a disposizione mi avevano motivato molto. E poi vivendo all’estero mi sono reso conto che non è la tassazione a essere per forza più alta in Italia rispetto ad altri paesi. Con la Germania non c’è tutta questa differenza: il punto sta nella qualità dei servizi». Al momento c’è l’impegno del Governo per le startup, confermato dal Ministro del Lavoro Luigi Di Maio a StartupItalia! Open Summit 2018. «Vediamo che c’è interesse verso questo mondo di imprese e aspettiamo fiduciosi che dalle parole si passi ai fatti».

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter