Il fisioterapista va in azienda per migliorare la produttività | The Next Tech
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 23 febbraio 2019 alle 11:22

Il fisioterapista arriva in azienda per migliorare la produttività dei dipendenti

Vitavigor, storica azienda del "Super Grissin de Milan", ha deciso di portare in azienda un fisioterapista per migliorare il benessere e le performance dei propri dipendenti: è tra le prime PMI a farlo in Italia.

Come sarebbe la vostra giornata lavorativa se sapeste che la vostra azienda è pronta a prendersi cura di contrazioni muscolari e dolori articolari? Sicuramente l’entusiasmo con cui prendereste borsa e documenti per recarvi in ufficio aumenterebbero a dismisura. O almeno è ciò che spera Vitavigor, storica azienda del “Super Grissin de Milan” che ha avviato una partnership dedicata alla fisioterapia e al benessere psicofisico dei propri dipendenti con la svizzera Wintecare, player internazionale con esperienza in ambito performance e riabilitazione.

Il progetto “Vitavigor Performance”

Il progetto “Vitavigor Performance” prevede la disponibilità di un massofisioterapista e massaggiatore sportivo abilitato direttamente negli uffici di Vitavigor, a Cinisello Balsamo (MI). I dipendenti avranno a disposizione sei prestazioni all’anno, eseguite da Gabriele Bertelli, massofisioterapista e massaggiatore sportivo.

Bertelli vanta una pluriennale esperienza nel mondo dello sport e che dal 2017 collabora con Wintecare come specialista per le assistenze nel mondo della pallavolo e dell’atletica, supportando campioni del mondo e olimpici di queste discipline.

Già dalle prime sedute il progetto sta riscuotendo un ottimo successo fra i 20 dipendenti dell’azienda milanese. Nel corso dell’anno saranno loro a valutare, insieme all’azienda, se l’azienda l’impatto dell’iniziativa avrà inciso positivamente sia sulla performance lavorativa sia sulla loro peculiare soddisfazione e sui relativi effetti sul work-life balance.

Benessere psicofisico, un pilastro fondamentale

Secondo Federica Bigiogera, marketing manager di Vitavigor, “il benessere psicofisico dei dipendenti rappresenta un pilastro fondamentale per garantire uno stile di vita più sereno e quindi aumentare la produttività lavorativa. Abbiamo a cuore la salute del nostro team ed è per questo che abbiamo deciso di dare vita al progetto Vitavigor Performance“.

L’obiettivo è rendere migliore il tempo in azienda, ma anche quello fuori. In primo luogo, un maggior benessere psicofisico garantisce la possibilità di lavorare con meno fatica e più attenzione. Inoltre, star bene fisicamente aiuta a stare meglio mentalmente, e quindi a gestire più efficacemente lo stress quotidiano.

Nonostante le nostre piccole dimensioni, abbiamo deciso di crearci un progetto welfare tailor-made, su misura, che fosse sostenibile per le nostre potenzialità ma che potesse far beneficiare i nostri dipendenti di strumenti che di solito si trovano solo nelle grandi aziende o nelle multinazionali“, spiega ancora Bigiogera.

Perché i trattamenti fanno bene

Il successo del “Vitavigor Performance” è dato dall’uso di dispositivi medici hi-tech di ultima generazione come il modello T-Plus, uno stimolatore elettromagnetico della perfusione sanguigna. Sfruttando la tecnologia tecar, supporta e rende più efficace il lavoro manuale dello specialista, rendendolo profondo, piacevole e duraturo.

Dolore, infiammazione, recupero muscolare, e flessibilità sono fortemente influenzati dalla circolazione sanguigna periferica ed è per questo che l’ausilio di tale strumento risulta fondamentale.

La tecnologia di Wintecare consente inoltre un miglioramento delle performance in ambito lavorativo e negli sport, unito a una rimodellazione del corpo che permette un aumento del tono muscolare ed un corretto metabolismo dei grassi.

Ma non è tutto. I dispositivi dell’azienda vengono utilizzati anche per affrontare un percorso di riabilitazione da dolori cronici e acuti legati alla colonna vertebrale, vera croce di chi fa lavoro d’ufficio, ma anche disordini microcircolatori e muscolo-scheletrici, nonché scompensi post operatori.

Come agisce lo specialista

Il progetto “Vitavigor Performance” permette al fisioterapista di offrire supporto in trattamenti della durata di un’ora circa, in cui si cerca di far emergere quei vizi ed errate posture che scatenano l’insorgenza di noie muscolo scheletriche nei dipendenti/pazienti.

Come spiega Gabriele Bertelli, massofisioterapista e massaggiatore di fama mondiale, “modificando tali imperfezioni e trattando i dipendenti/pazienti con la T-Plus, riusciamo a essere più rapidi e incisivi nel risolvere i problemi e più sicuri che la soluzione sia la più duratura possibile“.

“Un bisogno radicato”

Sentirsi bene è un bisogno radicato in ciascun individuo ed ogni azione è direttamente o indirettamente legata a questa necessità. Vitavigor condivide questa visione ed è per questo motivo che abbiamo scelto di mettere a loro disposizione la nostra tecnologia per un programma di trattamenti personalizzati su misura dei dipendenti“.

A dirlo, Simone Luca Binda, founding partner di Wintecare: “i lavoratori potranno migliorare la loro condizione psicofisica con poche sedute settimanali finalizzate a migliorare la qualità del sonno, la percezione di sé e affrontare le sfide quotidiane con maggiore serenità”.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter