Ecco quali sono le migliori app per smettere di russare
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 1 giugno 2019 alle 7:00

Ecco quali sono le migliori app per smettere di russare

Esistono diverse app in grado di misurare la qualità del nostro sonno e aiutarci a smettere di russare.

Chi dorme accanto a un partner che russa lo sa bene. Russare può incidere sulla nostra qualità del sonno (e della vita) e su quella di chi ci sta vicino.

La qualità del sonno è importante: lo stesso Mark Zuckerberg ha recentemente inventato un dispositivo, la Sleep Box, per aiutare la sua compagna a dormire meglio. Del resto, secondo uno studio della World Sleep Society, l’associazione mondiale di medicina del sonno, almeno il 40% della popolazione mondiale dorme poco o ha disturbi legati al ritmo sonno-veglia.

Chi soffre di roncopatia (e chi gli dorme accanto), non ha una buona qualità del sonno. In Italia sono circa il 45% degli adulti: non uno scherzo, anche perché oltre a un cattivo riposo, con un conseguente affaticamento durante il giorno e disturbi dell’attenzione, può portare a conseguenze più gravi come le apnee notturne, causate da un blocco completo o parziale delle vie aeree superiori.

In Italia ne soffrono circa 12 milioni di persone che, a lungo andare, rischiano anche danni più gravi. In alcuni casi può essere sufficiente modificare lo stile di vita per risolvere definitivamente il problema. Ma esistono diverse app, sia per iPhone che Android, che ci aiutano a capire la gravità della situazione e come affrontare il problema.

Naturalmente per risolverlo occorrerà poi affidarsi a un medico specialista. Vediamo quali sono le migliori applicazioni in circolazione.

Sleep Cycle

Questa app sfrutta microfono e accelerometro per monitorare il nostro sonno e sentire se russiamo o ci muoviamo nel letto. Particolarmente adatta da usare con Apple Watch, quando sente che stiamo russando fa vibrare lo smartwatch, per spingerci a cambiare posizione e riposare meglio.

Inoltre, captando rumori e movimenti notturni, l’app capisce quando è il momento giusto per svegliarci: impostando un range di tempo entro il quale si preferisce essere svegliarci, l’app saprà scegliere il momento giusto in cui il risveglio risulta meno traumatico.

Sleep As Android

L’app (gratuita) è in grado di analizzare e controllare i cicli del sonno, registrare il russamento (sfruttando il microfono integrato,) indicando con un grafico le ore dormite, quando (e quanto) abbiamo russato e qualche consiglio per evitare che accada di nuovo. È possibile impostare un livello di rumore massimo, superato il quale l’applicazione si renderà conto che si sta russando troppo e sveglierà l’interessato emettendo un lieve suono accompagnato da una vibrazione, per non infastidire chi sta accanto.

L’app integra anche un’altra serie di funzionalità, come il conto alla rovescia – per fare un sonnellino pomeridiano – gli allarmi personalizzati e la possibilità di spegnere la sveglia con giochi e un rompicapi matematici. Registrando tutto ciò che accade durante la notte, questa app risulta molto utile anche per chi ha altri disturbi del sonno, come il sonnambulismo.

Snore Lab

Grazie ai sensori del nostro telefono, Snore Lab campiona tutti i suoni notturni, registrando l’eventuale esistenza di apnee notturne e riassumendo tutti i dati in alcune schede ampie e dettagliate in modo da capire quanto è grave la situazione e porvi rimedio in modo efficace.

Questa app si rivela molto utile se si è seguiti da un medico specialista, a cui poter portare alcuni dati riguardo la qualità e le nostre abitudini durante il sonno.

Prime Sleep Recorder

Se parliamo nel sonno, o se russiamo, questa app può registrare il tutto e inviarlo via email al nostro specialista di fiducia. Bisogna impostare un livello di sensibilità minimo in decibel, superato il quale, l’applicazione inizia a registrare.

Soundly

Per limitare le apnee notturne c’è Soundly, un’app clinicamente testata che permette agli utenti di esercitarsi attraverso un gioco a comando vocale sul proprio smartphone. Grazie a dei suoni e quindi a delle vibrazioni, mette in moto e rafforza i muscoli delle vie aeree superiori della mascella – che di notte si rilassano, bloccando le vie respiratorie – riducendo le vibrazioni che causano il russare. Va usata almeno 15 minuti al giorno per migliorare la respirazione notturna.

@antcar83

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter