Torna in commercio il C64. E non sarà una versione "mini" | The Next Tech
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 25 giugno 2019 alle 14:23

Torna in commercio il C64. E non sarà una versione “mini”

Il nuovo Commodore 64 debutterà in tempo per Natale e includerà 64 titoli già installati. Ma il prezzo non sarà dei più economici

Feticisti degli Anni 80, della disco-music sparata a tutto volume e delle musicassette da sbrogliare con la matita, drizzate le orecchie. Torna infatti in commercio il mitico C64, vera e propria pietra miliare della storia dei videogiochi. E lo farà in grande stile, con una versione che ricalca l’originale, soprattutto nelle dimensioni.

C64, 37 anni dopo

Si chiamerà THEC64, avrà una tastiera completamente funzionante, sarà dotato di un joystick classico micro-switch aggiornato che si collega a una delle quattro porte USB e ovviamente presenterà una uscita video HDMI. Perché vanno bene nostalgia e feticismo, ma ormai il nostro occhio è abituato a ben altri standard rispetto ai vecchi catodici dell’epoca.

Leggi anche: Play Station Classic: il nuovo mini-gioiellino Sony in vendita dal 3 dicembre

Questa nuova versione del C64 sarà inoltre dotata di tre modalità commutabili – il BASIC del C64 originale, il VIC20 BASIC e il Games Carousel con possibilità di giocare i 64 titoli integrati in 50Hz o 60Hz, con filtri CRT/Screen mode.

I 64 titoli

Quanto ai giochi preinstallati nel Commodore includono classici come California Games, Paradroid, Boulder Dash e nuovi titoli come Attack of the Mutant Camels, Hover Bovver, Iridis Alpha e Gridrunner, oltre allo sparatutto pubblicato recentemente, Galencia, e all’avventura testuale Planet of Death! Sarà infine anche possibile caricare e salvare i propri giochi C64 e VIC20 tramite chiavetta USB e accedere a titoli multi disco.

Leggi anche: Nintendo NES di nuovo in vendita a giugno

“Siamo lieti di collaborare ancora una volta con Koch Media per riportare alla luce i più amati giochi retrò di tutti i tempi, ora con una tastiera completamente funzionante.”, ha dichiarato Paul Andrews, Managing Director di Retro Games che si occuperà dello sviluppo della piattaforma. “La versione a grandezza naturale del THEC64 è una rivisitazione del classico computer C64 e la seconda di una serie pianificata di prodotti in arrivo.”

Qualche perplessità

Fin qui tutto davvero splendido-splendente. Le nostre perplessità riguardano solo il prezzo consigliato: THEC64 sarà disponibile il 5 dicembre 2019 al costo di 119,99 euro. Davvero troppo, specie considerato che la piattaforma include appena 64 titoli (tanti, per carità, ma molti hanno una giocabilità per forza di cose limitatissima, altri sono invecchiati maluccio). La punta dell’iceberg di una produzione che contò migliaia di videogames. Certo, alcuni dei più noti saranno rimasti fuori dal novero per problemi – immaginiamo – legati ai diritti d’autore (pensiamo a tutte le opere legate a film e cartoni dell’epoca). Altri forse per la dipartita delle software house che li svilupparono. Resta il fatto che, per quel prezzo, avremmo preferito qualche centinaio di titoli in più. Ok l’effetto nostalgia, ma che non diventi un business. O lo è già?

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter