Get, il braccialetto che fa telefonare avvicinando un dito all'orecchio | The Next Tech immagine-preview

Lug 9, 2019

Get, il braccialetto che fa telefonare avvicinando un dito all’orecchio

Partita la campagna di crowdfunding Deed su Kickstarter per la produzione industriale del dispositivo che sfrutta la conduzione ossea per dire addio ad auricolari, altoparlanti e display

Parte da Torino il lancio sul mercato internazionale del dispositivo multifunzione Get™ che sfruttando il principio fisico della conduzione ossea consente di avvicinare l’indice all’orecchio per ascoltare contenuti, rispondere a notifiche ed effettuare pagamenti, dicendo addio ad auricolari, altoparlanti e display.

Foto Ufficio Stampa

Get, il bracciale smart

L’innovativo bracciale, una vera e propria rivoluzione nel mondo smartwatch, è il primo prodotto della startup italiana Deed, nata nel maggio 2016 nell’incubatore I3P del Politecnico di Torino e accelerata da TIM WCAP. Dopo aver ricevuto finanziamenti per 700mila euro, approda ora sul mercato internazionale attraverso una campagna di crowdfunding su una delle più importanti piattaforme statunitensi, Kickstarter. Un’iniziativa che consentirà a Deed di posizionarsi all’interno di un mercato caratterizzato da un pubblico maturo ed esigente, come quello americano, in un contesto in cui la domanda di wearable device è doppia rispetto a quella dell’intero mercato europeo.

“A pochi giorni dal lancio – ha commentato il CEO di Deed Edoardo Parini che ha ideato il progetto, con il supporto del fratello gemello Emiliano – abbiamo raggiunto il primo traguardo, e sono stati raccolti pre-ordini da tutto il mondo per oltre 30.000 dollari”.

Foto Ufficio Stampa

Get, la conduzione ossea del suono

Venduto a 190 dollari l’uno, Get™ unisce in un unico dispositivo le funzionalità di uno smartwatch e di un fitness-tracker, creando un “ponte intelligente” – uno smart bridge, come lo definiscono i gemelli Parini – tra corpo e smartphone, al quale è collegato via bluetooth. Oltre a consentire di rispondere ai messaggi del telefono, infatti, il bracciale permette anche di tracciare l’attività fisica, di monitorare il ciclo del sonno e di effettuare pagamenti contactless in tutta sicurezza, grazie al fatto che l’identità dell’utente viene riconosciuta univocamente attraverso l’identificazione dell’impronta digitale.

L’innovativo device, infatti, decodifica le onde sonore e le converte in vibrazioni che possono essere ricevute direttamente dalla coclea dell’orecchio senza l’uso del timpano. Esiste poi un coordinamento vocale avanzato per rendere più facili le interazioni con gli assistenti vocali, come Alexa, Siri e quello di Google.

Foto Ufficio Stampa

Un design tutto made in Italy

Design Made in Italy estremamente elegante e curato, zero cuciture, leggero e waterproof, Get™ non ha display: per comandarlo bastano semplici gesti, che consentono di accedere a funzionalità e applicazioni. Una tecnologia innovativa basata sulla proprietà naturale delle ossa di condurre il suono (come intuito e sperimentato da Beethoven nel XIX secolo, già usata in campo medicale senza alcuna controindicazione – che consente molteplici applicazioni anche in campo B2B:

Da qualche giorno il MAXXI di Roma ne ha lanciato la sperimentazione in sostituzione delle classiche audioguide, con l’obiettivo di rinnovare l’esperienza e la fruizione del Museo e delle sue opere. Un’iniziativa resa possibile anche grazie all’intervento e al supporto del “mecenate” Paolo Bucciol, CEO di Comeeta.

Spotify ha adottato la tecnologia Deed per l’evento di lancio del nuovo album del cantautore italiano Ultimo: un evento esclusivo, svoltosi lo scorso aprile a Milano, nel quale 40 appassionati del noto artista hanno potuto ascoltare in anteprima, attraverso gli innovativi bracciali, il suo nuovo brano ‘Colpa delle favole’.

Nastro Azzurro ha invece trasformato i Navigli milanesi in una grande “silent disco” a cielo aperto, in cui la tecnologia Get™ ha consentito al pubblico di ascoltare la musica di artisti di punta del panorama musicale in un inconsueto e silenzioso dj-set.

La campagna su Kickstarter

Per attivare la produzione e immettere sul mercato il primo quantitativo significativo di bracciali nella primavera 2020, i gemelli Parini fanno affidamento sulla campagna Kickstarter appena partita.

Con un occhio all’ambiente: la startup pianterà un albero per ogni sostenitore della campagna, grazie alla partnership con O2Forest. Obiettivo: creare una vera e propria foresta che consenta di abbattere totalmente l’impatto dei futuri processi di produzione e spedizione con l’assorbimento di CO2. Una partnership che dimostra come la giovane imprenditoria si muova con coscienza, senso di responsabilità e impegno per l’ambiente e per il sociale.

Foto Ufficio Stampa

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter