Tinder avviserà gli utenti lgbtq se si trovano in un Paese dove l'omosessualità è fuorilegge | The Next Tech immagine-preview

Lug 26, 2019

Tinder avviserà gli utenti lgbtq se si trovano in un Paese dove l’omosessualità è fuorilegge

La funzionalità, che nasconde il profilo o disattiva gli orientamenti sessuali, lanciata in collaborazione con l'International Lesbian, Gay, Bisexual, Trans and Intersex Association

Tinder sta preparando un aggiornamento particolare. Da questa settimana avviserà i suoi utenti omosessuali, bisessuali, transgender o queer se stanno viaggiando in un Paese in cui le loro preferenze sessuali e identità di genere possono metterli a rischio dal punto di vista legale. Un’opzione fondamentale in periodo estivo.

Come funziona

Si chiama Traveler Alert ed è una funzionalità che nasconderà automaticamente i profili degli utenti quando l’applicazione, grazie ai sensori e alla geolocalizzazione dello smartphone, rileverà che la persona si trova appunto in un posto in cui le relazioni fra individui dello stesso sesso sono illegali. Purtroppo sono ancora molti nel mondo e spesso prevedono pene durissime, fino alla condanna a morte come in Iran, Yemen, Emirati Arabi Uniti, Mauritania e Pakistan, o l’ergastolo come in Bangladesh. In Africa, invece, dall’Uganda al Marocco, sono 38 gli stati africani dove essere gay è un reato. In molti altri territori, dal Senegal a Singapore, sono invece previste delle sanzioni.

Cosa possono fare gli utenti

Gli utenti possono ovviamente scegliere se mantenere o meno il proprio profilo nascosto. Se decidono di renderlo pubblico, in ogni caso, il loro orientamento sessuale o identità di genere sarà rimossa per tutto il soggiorno per proteggerli dalle forze dell’ordine o da singoli individui che potrebbero prenderli di mira.

L’avviso verrà mostrato solo se si tocca il suolo di questi Paese o se gli utenti utilizzano Tinder Passport, l’opzione che consente di modificare la propria posizione e fare nuove amicizie in giro per il mondo e funziona solo con gli abbonamenti Tinder Gold o Plus. Il gruppo ha stretto una serie di accordi con l’International Lesbian, Gay, Bisexual, Trans and Intersex Association per identificare i 69 Paesi in cui l’omosessualità è un reato. Altre applicazioni di dating, come Scruff dedicata alle persone omosessuali, fanno più o meno una cosa simile.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter