Il furto delle recensioni: su Amazon è facile "rubare" le stelline immagine-preview
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 5 settembre 2019 alle 8:30

Il furto delle recensioni: su Amazon è facile “rubare” le stelline

Capita che certi annunci vengano abbandonati perché i rivenditori esauriscono le scorte. Così le pagine, magari con ottime recensioni, vengono modificate da imbroglioni per vendere altro

Usare le recensioni di un cavo HDMI per vendere un coltello. Accadrebbe anche a questo nella giungla di Amazon. Come ha riportato il sito The Verge, l’inganno starebbe nelle stelline che tanto ci orientano sull’acquisto o meno di un prodotto. Cinque stelline e tanti commenti: lo compro; due stelline e zero commenti: lascio stare. Ma come è possibile? In sostanza succede che certi prodotti in vendita su Amazon, a un certo punto, vadano esauriti rendendo di fatto la loro pagina “morta”. A meno che qualcuno non la dirotti per modificare la foto e la descrizione del prodotto riuscendo così a posizionare meglio – e magari vendere – qualcos’altro, imbrogliando così non pochi clienti.

Ladri di recensioni

L’esempio del rating delle recensioni di un cavo HDMI sfruttato per pubblicizzare al meglio un coltello è stato documentata da The Verge. Ma perché su Amazon si riescono a compiere simili truffe? Sul marketplace più grande al mondo non vende soltanto la multinazionale di Jeff Bezos, ma un esercito di 2 milioni di rivenditori. Capita che un singolo annuncio possa contenere prodotti di rivenditori diversi, ciascuno con la possibilità di modificare o aggiungere contenuti alla pagina. Un grande sostegno per loro, garantito da Amazon, ma anche un rischio quando si ha a che fare con una piazza e-commerce di quelle dimensioni. Sì, perché capita che certi prodotti non siano più in commercio, ma restino online tra gli annunci.

Leggi anche: Amazon apre 10 negozi fisici nel Regno Unito per supportare le piccole imprese

A quel punto, su una lista che non vende più un prodotto un tempo apprezzato dai clienti è possibile che un rivenditore possa entrare per modificare immagine e descrizione, di fatto regalando a un oggetto magari scadente (o anche pericoloso) ottime recensioni. Questa truffa sarebbe possibile nelle liste “morte”, abbandonate, visto che qualsiasi anomalia su altre pagine frequentate verrebbe subito segnalata ad Amazon.

Come non cascarci

L’inganno però non necessita di un hacker per esser scoperto. Prima di fare qualsiasi acquisto basta dare un’occhiata alle recensioni, positive e negative, per capire se si parla bene proprio del prodotto che si sta per comprare o se già qualcuno ci è cascato e si è lamenta di esser stato ingannato.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter