Apple, ecco i nuovi iPhone 11 Pro e Pro Max | The Next Tech
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 11 settembre 2019 alle 12:13

Apple, ecco i nuovi iPhone 11 Pro e Pro Max

Tutte le novità da Cupertino: anche Iil Watch 5, un nuovo iPad più ampio e soprattutto il lancio dei servizi di intrattenimento in streaming, Arcade e Tv+

I servizi – con la conferma del lancio di AppleTv+ ed Apple Arcade – i nuovi iPhone 11, non la rivoluzione attesa per il 2020 ma un bel salto nel comparto fotografico, un nuovo iPad “entry level”, un nuovo Apple Watch, la quinta serie, con pannello aggiornato. Questo il menu snocciolato dall’ad Tim Cook e dal resto del management di Apple all’evento del 10 settembre dallo Steve Jobs Theater di Cupertino dedicato alle novità d’autunno e inverno. Con un occhio alle piattaforme di contenuti in streaming grazie alla quale la Mela continuerà a spostare il baricentro dei ricavi dai dispositivi appunto alla voce che nei suoi bilanci definisce come “servizi”. e che cresce di trimestre in trimestre.

L’iPhone 11, erede dell’XR

Si comincia dagli iPhone. La nuova famiglia, iPhone 11, è costituita da tre modelli. Quello base è in sostanza l’erede dell’XR: display Liquid Retina HD Lcd da 6,1 pollici, l’iPhone “economico” arriva in nuovi colori, fra cui viola e verde, monta una doppia fotocamera (c’è un sensore da 12 Mpixel con apertura f/1.8 e uno supergrandangolare da 12 f/2.4, lo zoom ottico è 2x) integrata in una plancia quadrata sul retro, come nei modelli maggiori, e guadagna un’oretta di batteria. Miglioramenti promessi agli scatti con la modalità notturna e 4K e slow motion anche per il sensore frontale, sempre da 12 Mpixel. Il chip è lo stesso dei fratelli Pro e Pro Max, l’A13 Bionic, ignote le Ram. Il prezzo muove da 839 euro per 64 GB per salire a 889 per 128 e 1.009 per 256.

Gli iPhone 11 Pro e Pro Max

Oltre al chip già citato – Cpu e Gpu fino al 20% più veloci rispetto all’A12 – i modelli top di gamma sfoggiano uno schermo Super Retina Oled rispettivamente da 5,8 e 6,5 pollici con 1.200 nits di brillantezza e una serie di tecnologie come Dolby Vision e Atmos. Meglio anche in questo caso per le batterie, che promettono di avanzare di 4 e 5 ore con una ricarica rapida a 18w, e novità con il bel colore “midnight green”. Il punto forte è il comparto fotografico con triplo sensore: uno “wide” da 12 Mpixel (f/1.8), uno “tele” con lente da 52 mm (f/2.4) e infine il ultragrandangolare da 13 Mpixel (f/2.4) con angolo da 120 gradi. Lo zoom ottico arriva pure in questo caso a 2x. Tutti i sensori possono girare video in 4K a 60 fps ma la novità sta nelle foto e nella soluzione Deep Fusion con cui, quando si sforna uno scatto, di fatto l’intelligenza artificiale ne acquisisce in totale nove, otto dei quali prima del clic. Certificazione IP68, i telefoni resistono a immersioni fino a 4 metri per mezz’ora. Non costano poco: si comincia da 1.189 euro per il Pro da 64 GB (1.359 per 256 e 1.589 per 512 GB) e da 1.289 euro per il Pro Max da 64 GB (1.459 per 256 GB e 1.689 per 512 GB). Nelle mani degli appassionati dal 20 settembre.

L’Apple Watch Serie 5

Il nuovo orologio è arrivato un po’ a sorpresa. Accoglie le chiamate di sicurezza internazionali in 150 Paesi, il nuovo sistema operativo watchOS 6, il rilevamento di caduta, la bussola e sfoggia un nuovo display Retina always-on, cioè sempre attivo, per avere sott’occhio l’ora e le informazioni importanti senza dover neanche sollevare il polso o toccare il display. La cassa è disponibile in alluminio (100% riciclato), acciaio inossidabile, ceramica e il nuovo titanio. L’effettiva novità è dunque il display, nel quale tecnologie evolute lavorano insieme per offrire questa nuova funzione, incluso l’unico display Ltpo del settore, un driver a basso consumo, un circuito integrato di gestione efficiente della potenza e un nuovo sensore di luce ambientale. L’autonomia arriva così a 18 ore. Disponibile da settembre nelle versioni Gps e Gps+Cellular rispettivamente da 459 e 559 euro. Il Series 3 (GPS) scende così a 239 euro mentre GPS + Cellular a 339.

L’iPad da 10,2 pollici

L’iPad di settima generazione cambia, nel senso che ampia lo schermo a 10,2 pollici. Diviene così compatibile con la Smart Keyboard e il prezzo parte da 389 euro. Disponibile dal 30 settembre, va forte di un sistema operativo tutto suo condiviso ovviamente con le altre famiglie, iPadOS, della compatibilità con Apple Pencil, del chip A10 Fusion e di una batteria che garantisce un giorno di autonomia.

Le piattaforme di streaming

Apple è tornata sui nuovi servizi in partenza per l’intrattenimento. Il primo, con oltre 100 giochi originali ed esclusivi, è Apple Arcade: si videogioca in streaming dall’interno dell’App Store a 4,99 euro al mese per sei utenze con un mese di prova gratuita.

Qualche titolo? “Ballistic Baseball” di Gameloft, un gioco arcade di baseball dove lanciatore e battitore potranno affrontarsi in avvincenti sfide multiplayer testa a testa; “ChuChu Rocket! Universe” di Sega, che lancia gli amati ChuChu in un universo di pianeti, con oltre 100 rompicapi ed enigmi tutti da risolvere; “Projection: First Light” di Blowfish, in cui i giocatori seguono le avventure di Greta, una ragazza che vive in un mondo mitologico popolato da ombre cinesi e che affronterà un viaggio di illuminazione e scoperta con l’aiuto di eroi leggendari da antiche culture.

La Apple Tv+ partirà invece il primo novembre in oltre 100 Paesi e territori, Italia inclusa. Stesso prezzo, 4,99 euro per sei utenze, ma solo 7 giorni di prova gratuita. Tanti i titoli originali della Mela fra cui “The Morning Show”, “Dickinson”, l’affascinante “See”(una serie con un futuro distopico in cui l’umanità ha perso la vista), “For All Mankind” e “La madre degli elefanti”, oltre al circolo dei lettori di Oprah Winfrey. La piattaforma sarà disponibile con l’app Apple TV su iPhone, iPad, Apple TV, iPod touch, Mac e altre piattaforme, oppure online all’indirizzo tv.apple.com. Attenzione: chi compra qualsiasi modello di iPhone, iPad, Apple TV, iPod touch o Mac riceve un anno gratis di Apple TV+. Ovviamente ogni mese il catalogo si arricchirà di contenuti inediti. Fra i titoli in arrivo Apple sembra puntare più sui film che sull’abbuffata di serie: ci sarà per esempio “Servant”, un thriller psicologico di M. Night Shyamalan, che ha come protagonista una coppia di Philadelphia reduce da una tragedia terribile, che ha messo in crisi il proprio matrimonio e permesso a una forza misteriosa di varcare la soglia della loro casa.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter