Tecla la casa in argilla stampata in 3D (tutta italiana) | The Next Tech
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 9 novembre 2019 alle 8:51

Tecla la casa in argilla stampata in 3D (tutta italiana)

Economica, ecologica e biodegradabile, si chiama Tecla la casa stampata completamente in 3D, in argilla. Invenzione di una startup italiana di architettura: Mario Cucinella Architects e WASP, specialista della stampa 3D

Nata da una visione, quella di dare la possibilità a tutti di avere una casa, in un periodo storico di aumento esponenziale della popolazione e di conseguente mancanza di abitazioni, TECLA è un nuovo modello circolare di abitazione interamente creata con materiali riutilizzabili e riciclabili, raccolti dal terreno locale. Costruita utilizzando Crane WASP, l’ultima tecnologia 3D di WASP nel settore costruttivo, rappresenta un passo molto significativo verso l’edilizia eco-sostenibile.

 

 

Tecla, verso l’edilizia eco-sostenibile

Con circa 83 milioni di persone che si aggiungono alla popolazione mondiale ogni anno, per lo più concentrati nelle aree più povere del mondo, i governi si trovano oggi ad affrontare una sfida importante. L’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, infatti, punta, tra le altre cose, a far sì che tutti abbiano accesso a una casa adeguata e sicura e ai servizi di base.

In questo contesto, le implicazioni di nuovi processi costruttivi, di cui la stampa 3D rappresenta attualmente la tecnologia più avanzata, sono di ampia portata. Con la possibilità di costruire una casa in una frazione del tempo fino ad ora richiesto dalle tecnologie tradizionali, riducendo al contempo scarti ed emissioni, un profondo ripensamento del nostro modello di casa è sempre più strategico. Con questo in mente, Mario Cucinella Architects MC A e WASP si sono recentemente lanciati nella progettazione di un nuovo habitat sostenibile che si propone come un concept di abitazione completamente nuovo.

Questo concept, denominato TECLA come una delle città invisibili immaginate da Italo Calvino in “Le città invisibili”, si articola attorno alla possibilità di creare una nuova catena costruttiva che basa la propria strategia sostenibile sull’eliminazione dei rifiuti e degli scarti lungo tutto il processo. Per ottenere questo importante scopo, il materiale di stampa scelto per il primo prototipo, che è stato stampato nel mese di Settembre 2019, non poteva che essere il terreno locale.

 

 

TECLA, la casa economica, ecologica e biodegradabile

TECLA è concepita come una cellula base, la cui forma e caratteristiche possono essere modificate a seconda del clima e del contesto locale, che può essere variamente aggregata per meglio adattarsi ai luoghi in cui sarà innestata.

Il prototipo, costruito a Massa Lombarda (in provincia di Ravenna), è quindi solo un esempio di come questo concept può evolversi e contaminare lo spazio circostante. Composto da due cupole che si compenetrano a vicenda, il prototipo contiene una zona giorno, pensata come openspace, e una zona notte con un piccolo bagno. All’esterno, un piccolo lago raccoglie le acque meteoriche e grigie che, attraverso un processo di fitodepurazione, vengono riutilizzate per il giardino, mentre una seconda cellula produce, tramite pannelli solari e termini, energia pulita. L’obiettivo è quello di rendere TECLA un prototipo di casa completamente staccata dalla griglia.

Il prototipo in via di realizzazione in Italia è un esempio possibile di realizzazione di un villaggio di case sostenibili, che essere cambiato nelle forme e nei dettagli in base alle diverse esigenze.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter