Instagram imita TikTok: la nuova funzione Reels crea stories musicali
#SIOS19 12529 Biglietti
Registrati

Ultimo aggiornamento il 12 novembre 2019 alle 16:02

Instagram imita TikTok: la nuova funzione Reels crea stories musicali

Il gigante di Mark Zuckerberg ha copiato il social network cinese. Il primo test in Brasile

Per una volta è Instagram a per prendere spunto da un altro social, cioè da TikTok, a cui la piattaforma di proprietà di Mark Zuckerberg sembra essersi ispirata per inaugurare una nuova funzione delle stories. Si chiama Reels e permette agli utenti di registrare brevi video da 15 secondi editandoli con un brano musicale o un motivetto. Novità che sembra proprio ripresa dal cinese TikTok, la piazza dove i TikToker (scordatevi gli influencer) intrattengono il pubblico con video tanto creativi e originali quanto demenziali.

La copia americana

Reels non è un nuovo social network, ma l’arma digitale affilata da Instagram contro TikTok. Come riporta TechCrunch, la nuova funzione è disponibile soltanto in Brasile (nel paese sudamericano si chiama Cenas). Lo stesso sito spezza la lancia a favore del mondo delle startup cinesi, spesso accusate di scopiazzare le idee statunitensi: con Reels si è creato un precedente interessante che preannuncia una sfida per intrattenere il pubblico con funzioni e contenuti sempre più acchiappalike

Leggi anche: TikTok, guida pratica alla piattaforma dei giovani creativi

Come funziona Reels

Come su TikTok, gli utenti di Instagram potranno registrare stories aggiungendo una musica ripresa da un altro video, oppure pescando dalla sterminata libreria. La funzione è senz’altro simile, ma gli effetti di Reels potrebbero portare a risultati diversi: la Generazione Z che abita TikTok pubblica soprattutto video sciocchi e non è detto che la creatività richiesta dal social cinese sia facilmente replicabile su Instagram. Per farvi un’idea date un’occhiata alla serie virale che da giorni impazza: prendendo spunto dal comizio della leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, i creativi di TikTok hanno ballato e recitato a ritmo di “genitore 1, genitore 2…io sono Giorgia, sono una madre, sono cristiana”.

 

 

 

Leggi anche: TikTok di nuovo sotto accusa. L’autorità inglese: “Non protegge i minori”

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter