Digitale terrestre: scopri se la tua televisione va cambiata

Ultimo aggiornamento il 16 gennaio 2020 alle 16:26

Digitale terrestre: scopri se la tua tv va cambiata

Una mini-guida su quel che dovete fare per capire se vi serve una nuova televisione o se siete pronti allo switch-off

C’è ancora tempo prima dello switch-off televisivo: nel 2022 tutti quelli che vorranno vedere la televisione dovranno acquistare dispositivi di nuova generazione di trasmissione in digitale terrestre (il Dvb-T2, che sta per Digital Video Broadcasting – Second Generation Terrestrial). Intanto potete già sapere se la vostra tv è attrezzata, oppure se dovrete presto  trovarne una nuova. Se vi sintonizzate sul canale 200 troverete una risposta inequivocabile: sul monitor leggete una criptica scritta che recita “Test HEVC Main10”? Siete a posto. State soltanto leggendo lo standard di trasmissione che diventerà obbligatorio a giugno 2022. Sennò? Ora vi spieghiamo.

Digitale terrestre: prende o no?

Quello sul canale 200 è il primo test che vi consigliamo di fare per capire se la vostra tv può affrontare gli scenari post 2022 e la nuova generazione del digitale terrestre. Se non compare la scritta “Test HEVC Main10”, magari, potete fare un secondo tentativo risintonizzando tutti i canali. Ancora nulla? Magari sulla televisione il canale 200 è già occupato da un’altra emittente, che a questo punto vi consigliamo di far traslocare altrove: dopo questa operazione riprovate la procedura iniziale.

Leggi anche: la guida completa allo switch-off e come ottenere il bonus

Se neanche questa soluzione promuove il vostro televisore purtroppo dovrete cambiarlo, oppure agganciarlo a un nuovo decoder. A titolo informativo, il canale 200 è di proprietà di Mediaset ed è stato reso disponibile per il test dall’azienda di Cologno Monzese; domani, venerdì 17 gennaio, anche la RAI attiverà il proprio canale test: il 100. Di seguito vi elenchiamo il calendario che, a partire dal prossimo anno, riguarderà le varie regioni in cui inizierà lo switch-off.

 

  • 1 settembre 2021 – 31 dicembre 2021: Area 2 – Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia tranne la provincia di Mantova, provincia di Piacenza, provincia di Trento, provincia di Bolzano; Area 3 – Veneto, provincia di Mantova, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna tranne la provincia di Piacenza
  • 1 gennaio 2022 – 31 marzo 2022: Area 1 – Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Sardegna
  • 1 aprile 2022 – 20 giugno 2022: Area 4 – Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata; Abruzzo, Molise, Marche.

Leggi anche: Non solo Internet. Anche le smart TV raccolgono informazioni sugli utenti

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter