Milano e i bus senza conducente: l'idea di un test sulla linea 90/91
single.php

Ultimo aggiornamento il 26 gennaio 2020 alle 12:28

Milano e i bus senza conducente: l’idea di un test sulla linea 90/91

La guida autonoma potrebbe essere presto una realtà anche per i mezzi di superficie. Politecnico e ATM sono al lavoro

Era il 2013 quando Milano inaugurò il primo tratto di metropolitana a guida autonoma, la lilla. Ora la città starebbe pensando a un trasporto tech e senza conducente anche per i mezzi di superficie, partendo dai bus della linea 90/91 che – per chi non li conoscesse – abbracciano il capoluogo lombardo percorrendo tutta la circonvallazione esterna. Il Corriere della Sera l’ha indicata come possibile tratta per un test futuro. Al lavoro non c’è soltanto l’amministrazione del sindaco Beppe Sala, ma anche l’ATM (l’Azienda Trasporti Milanesi) e il Politecnico di Milano.

Leggi anche: Il bus elettrico a guida autonoma in Italia. A Merano guida l’intelligenza artificiale

© Fonte: Wikipedia

Il futuro della linea 90/91

Uno dei motivi che potrebbe spingere i tecnici a testare la guida autonoma sulla linea 90/91 – per ora soltanto un’ipotesi allo studio – sta nella viabilità. A Milano infatti questi bus circolano su lunghi tratti di corsie preferenziali: senza il traffico automobilistico l’introduzione di mezzi tech potrebbe essere più facile. Ma non basta la tecnologia a bordo: le città che vogliono attrezzarsi per battezzare una mobilità che faccia a meno di conducenti devono guardare anche al 5G. Se ne è parlato durante l’ultimo CES2020, a Las Vegas, dove è stato addirittura presentato il progetto di una smart city senza automobilisti, che presto il Giappone potrebbe inaugurare.

Leggi anche: CES 2020 | In Giappone la città tech senza automobilisti. E la casa ti fa da “medico”

© Fonte: Wikipedia

Il nodo sicurezza

Se è vero che la città è in prima linea sulle innovazioni tecnologiche nel campo dei trasporti, al tempo stesso Milano sta affrontando anche una delicata questione sicurezza riguardo ai propri mezzi pubblici. Nel 2019 sono stati diversi i feriti a seguito di frenate brusche della metropolitana, dovute a un sistema tecnologico che non sempre distingue i veri pericoli dai falsi allarmi lungo tutta la rete. E proprio lungo la linea 90/91, lo scorso dicembre, si è verificato un grave incidente che ha provocato la morte di una passeggera, Shirley Ortega. Il conducente del bus, indagato per omicidio stradale, non ha rispettato un semaforo rosso ed è andato a sbattere contro un mezzo della nettezza urbana.

Leggi anche: Il tram si aspetta in giardino. A Milano la prima pensilina green

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter