Luca Parmitano torna sulla Terra: ecco le foto delle sue "vacanze" spaziali

Ultimo aggiornamento il 6 febbraio 2020 alle 13:01

Luca Parmitano torna sulla Terra: ecco le foto delle sue “vacanze” spaziali

Le meraviglie dell'Italia, il deserto africano, ma anche l'Australia e l'Amazzonia in fiamme. La gallery social dopo sette mesi sulla ISS

Poche ore fa l’astronauta Luca Parmitano è atterrato nel mezzo del Kazakistan dopo 201 giorni trascorsi nello spazio. Catanese, 43enne, il nostro connazionale ha portato a termine con successo la missione “Beyond” partita il 21 luglio, lo stesso giorno del primo sbarco sulla Luna. Questa è stata la sua seconda missione in orbita, dopo “Volare” che nel 2013 lo portò per la prima volta sulla Stazione Spaziale Internazionale. Per festeggiare l’impresa abbiamo selezionato alcuni scatti dal profilo Twitter di Parmitano, come è abitudine quando qualcuno torna da un lungo viaggio.

Leggi anche: ISS, tutto pronto per la prima passeggiata spaziale interamente al femminile

La gallery di Parmitano: Napoli

In sette mesi di permanenza tra le stelle, l’astronauta è rimasto comunque collegato con la Terra, aggiornando i social per farci vedere com’è la Terra da lassù. Pochi giorni fa, prima di lasciare la ISS, Luca Parmitano ha pubblicato uno scatto notturno del Golfo di Napoli. “Anche di notte, Napoli e il suo Golfo mantengono tutta la loro leggendaria bellezza”, ha scritto.

© Fonte: profilo Twitter Luca Parmitano

Madagascar

A fine gennaio è la volta del Madagascar, con uno scatto nitido di parte della grossa isola. Tra i commenti dei suoi follower su Twitter qualche abitante gli ha perfino restituito il saluto dal suolo.

L’Etna

Chissà che emozione scattare dallo spazio una delle più grandi meraviglie della sua Sicilia. Tra i più recenti scatti di AstroLuca c’è anche quello dell’Etna innevato.

Leggi anche: Spazio | Il 2019 un anno record per l’Italia

© Fonte: profilo Twitter Luca Parmitano

Africa

Dai finestrini della ISS il paesaggio cambia in continuazione. Durante la sua permanenza a bordo, l’attenzione di Luca Parmitano è stata catturata da questo splendido paesaggio africano, battezzato “la pelle dell’Africa”: quegli schizzi disegnati dal vento nel deserto sono sembrati all’astronauta proprio come uno stormo di gabbiani di sabbia.

© Fonte: profilo Twitter Luca Parmitano

L’Australia in fiamme

Oltre agli inestimabili lavori di ricerca e studio che AstroLuca hanno svolto nello spazio, vale la pena ricordare anche il ruolo di reporter di questi astronauti: nelle settimane in cui l’Australia andava in fiamme le fotografie del continente coperte da una nube di cenere ci hanno fatto capire l’entità del disastro in corso.

Leggi anche: Città in fuga, quando uomo e cambiamenti climatici costringono a fare i bagagli

© Fonte: profilo Twitter Luca Parmitano

Il polmone della Terra

Ma ancor prima dell’Australia, c’è stata l’emergenza in Brasile: quella scattata dalla ISS è stata una delle fotografie più circolate per testimoniare l’emergenza incendi in Amazzonia lo scorso anno.

Leggi anche: Amazzonia in fiamme, le immagini dallo spazio

© Fonte: profilo Twitter Luca Parmitano

 I Caraibi

Così non li avete mai visti.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter