Morgan vs Bugo: lo scontro di Sanremo diventa un videogioco

Ultimo aggiornamento il 21 febbraio 2020 alle 16:48

Morgan vs Bugo: lo scontro di Sanremo diventa un videogioco

Grazie a RPG Maker il siparietto è sbarcato nel mondo gaming. Il video su YouTube è divertente quanto l'originale

«Bugo sceglie di usare fuga», non possiamo che iniziare da uno dei commenti più spassosi scovati in rete per presentare Morgan vs Bugo, un videogioco creato grazie a RPG Maker, un tool giapponese, divenuto cult, fatto proprio per sviluppatori in erba che vogliono cimentarsi nella creazione di un titolo. La giocabilità sembra inesistente, ma il divertimento è comunque assicurato. Grazie a un video pubblicato sul canale Youtube “Il Santuario di Miki”, è possibile rivivere il siparietto proprio come fosse un titolo per PC anni Novanta: il palco dell’Ariston, Morgan che inizia a esibirsi – nel modo che tutti noi ormai conosciamo – e Bugo che, pochi secondi dopo, lascia infuriato la sua postazione. Se ancora non avete sentito le parole che l’ex Bluvertigo ha riservato al collega vi suggeriamo di passare prima dal remake da nerd. Forse è addirittura più spassoso dell’originale andato in onda a Sanremo.

Leggi anche: Dreams, quant’è bello giocare ai sogni degli altri

© Fonte: "Il Santuario di Miki"

Morgan vs Bugo

Simile ai classici senza tempo come Pokémon o Zelda, Morgan vs Bugo è un virtuosismo da applausi a scena aperta, che ci insegna ancora una volta l’originalità del mondo dei videogiochi, spesso trattato come l’angolo triste degli hikikomori e degli adolescenti senza arte nè parte. È una felice coincidenza che si sia parlato di un frutto di RPG Maker proprio nei giorni in cui Dreams è arrivato su PS4, il nuovo videogioco che ti permette non soltanto di giocare a veri e propri sogni, ma anche di modellare videogiochi da zero.

Leggi anche: Giappone ti amo. A spasso per Tokyo nell’ultimo videogioco Nintendo

Il monologo di Morgan nel nuovo videogioco creato da uno sviluppatore ancora sconosciuto è la replica fedele di quel che milioni di italiani hanno visto su Rai 1, uno dei motivi per cui ci ricorderemo la settantesima edizione del festival di Sanremo.

Leggi anche: Il modo migliore di rivivere gli Anni ’90? Giocare a Doom

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter