Coronavirus, Amazon aiuta chi ha perso il lavoro: 100mila assunzioni

Ultimo aggiornamento il 17 marzo 2020 alle 12:15

Coronavirus, Amazon aiuta chi ha perso il lavoro: piano da 100mila assunzioni

Negli Stati Uniti il gigante dell'e-commerce dà il suo contributo a cittadini e aziende in difficoltà

Il coronavirus è già un’emergenza negli Stati Uniti, dove il Presidente Donald Trump ha indicato il mese di agosto come ipotetica fine della pandemia. Nel frattempo le multinazionali e le aziende si stanno attrezzando, chi con lo smart working, chi potenziando la produzione. Amazon ha annunciato l’intenzione di assumere 100mila nuove figure part-time e full-time per far fronte all’aumento di ordini a cui anche in Italia abbiamo assistito. Il commercio online è diventato una delle soluzioni ideali per ridurre al minimo gli spostamenti e, dunque, il rischio di contagio del Covid 19.

Leggi anche: Coronavirus, Trump:«Pandemia fino ad agosto». WS mai così male dall’87

Amazon, l’aiuto alle aziende

Come viene specificato sul sito del gigante dell’e-commerce, il piano di Amazon è quello di aiutare soprattutto i lavoratori che, a causa della pandemia, hanno perso il posto o che magari saranno lasciati a casa temporaneamente dalle aziende.  “Vogliamo – ha spiegato l’azienda di Jeff Bezos – che queste persone sappiano che le accoglieremo nei nostri team fino a quando le cose non torneranno alla normalità e il loro datore di lavoro non sarà in grado di riaprire l’azienda”.

Leggi anche: Dalla robotica agli scanner termici, il business che sopravvive al coronavirus

Un gesto di solidarietà verso tante piccole aziende, ristoranti, bar e pub minacciati anche negli Stati Uniti dalla chiusura forzata dell’attività per ridurre – giustamente – ogni possibilità di contagio. Come tutte le realtà che restano attive in queste difficili settimane, Amazon ha garantito il rispetto di tutti i presidi sanitari all’interno dei propri stabilimenti. «In questi giorni – ci aveva spiegato poco tempo fa Valentina Pontiggia, Direttrice dell’Osservatorio e-commerce del Politecnico di Milano – l’e-commerce sta consentendo a diversi consumatori, anche a quelli più a rischio, di poter aver a casa prodotti che non potrebbero altrimenti acquistare».

Leggi anche: Coronavirus, in Cina l’e-commerce usa robot per consegne anticontagio

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter