Coronavirus | Cina, il riconoscimento facciale anche con la mascherina
single.php

Ultimo aggiornamento il 18 marzo 2020 alle 17:44

Coronavirus | Cina, il riconoscimento facciale funziona anche con la mascherina

Messa a punto da un'azienda di Pechino, la tecnologia è già nelle mani del Ministero di Pubblica Sicurezza

In uno dei paesi con le tecnologie di riconoscimento facciale più sofisticate al mondo – la Cina, ovviamente – il coronavirus ha messo alla prova questi sistemi di sicurezza voluti dalla dittatura comunista per controllare ogni istante della vita di tutti. Tantissime persone hanno indossato la mascherina negli ultimi mesi, rendendo sempre più difficile il lavoro del Ministero della Pubblica Sicurezza. Secondo quanto riporta il Financial Times, ci sarebbe però un’azienda cinese, Hanwang Technology Ltd, che ha messo a punto una tecnologia talmente avanzata da poter riconoscere i volti delle persone anche se indossano le mascherine.

Leggi anche: Coronavirus, ecco la mappa di Microsoft

Riconoscimento facciale: addio privacy

La tecnologia per un riconoscimento facciale così invasivo è stata realizzata dall’azienda che ha sede a Pechino e che, con un team di 20 persone, ha lavorato su un database di milioni di volti sia mascherati sia non. Proprio mentre in Cina, per la precisione a Wuhan, esplodeva l’epidemia di coronavirus, Hanwang Technology Ltd ha prodotto questa tecnologia riuscendo ad arrivare sul mercato nel giro di poche settimane. Stando a quanto riporta la stampa, questo riconoscimento facciale può individuare una persona mascherata in un gruppo di 30 nel giro di poche decine di secondi. La percentuale di successo è del 95%.

Leggi anche: Coronavirus | Le foto dell’Ospedale da campo di Cremona

Secondo la Reuters uno dei primi clienti di quest’azienda è stato il Ministero di Pubblica Sicurezza cinese, che governa le forze di polizia. In un momento così difficile per il mondo, con la pandemia di coronavirus che sta trascinando tutti verso una nuova recessione economica, tutti hanno chiaro che il tema della difesa della privacy non può più essere inteso come prima. La tutela della salute pubblica sta limitando le libertà personali di ciascun cittadino, i governi pensano alla geolocalizzazione per controllare i contagiati e gli strumenti dell’antiterrorismo vengono usati per contenere il contagio. D’altra parte, il passo avanti tecnologico del riconoscimento facciale battezzato in Cina lascia più di un timore sul fatto che a possederlo non è certamente un paese democratico che tutela le libertà individuali.

Leggi anche: Coronavirus, ecco l’unico stabilimento italiano che fa ventilatori polmonari

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter