Coronavirus, Xiaomi dona (di nuovo) migliaia di mascherine alla Lombardia
single.php

Ultimo aggiornamento il 19 marzo 2020 alle 12:25

Coronavirus, Xiaomi dona (di nuovo) migliaia di mascherine alla Lombardia

Continua il sostegno del colosso cinese. È stata effettuata una nuova spedizione dopo il primo lotto arrivato a inizio mese

Xiaomi, il colosso cinese della telefonia mobile, non dimentica il nostro Paese e annuncia l’arrivo di altre casse piene di mascherine per l’Italia. In particolare, verranno donate alla sanità lombarda, da più tempo in prima linea nel fronteggiare l’epidemia di Coronavirus e arrivata ormai allo stremo delle forze, senza più protezioni nei magazzini per medici e infermieri. Si tratta della seconda spedizione effettuata dall’azienda asiatica a favore dell’Italia, segno che dalla Cina continuano a seguire con apprensione quanto sta accadendo nel nostro territorio.

© Xiaomi Twitter

Leggi anche: Coronavirus, come funziona la nuova app italiana che segnala gli spostamenti dei contagiati

Il regalo di Xiaomi

Dopo un primo lotto di mascherine spedito in Italia il 5 marzo scorso, il big del tech in mattinata ha fatto sapere di avere già approntato un’altra spedizione. Dal colosso tecnologico cinese arriverà una nuova donazione di migliaia di mascherine che andranno a sostegno della Protezione Civile della Regione Lombardia e ad alcuni clienti e partner di Xiaomi presenti nel nostro Paese.

© Xiaomi Twitter

Leggi anche: Dall’Italia il test rapido per sapere se si ha il Coronavirus

“Siamo onde dello stesso mare, foglie dello stesso albero, fiori dello stesso giardino”. Questo il messaggio che Xiaomi aveva fatto recapitare lo scorso 5 marzo alla Protezione civile nostrana, messaggio di speranza e vicinanza che si caratterizza per la poesia e l’eleganza tipiche delle popolazioni asiatiche.

Leggi anche: Coronavirus | Le foto dell’Ospedale da campo di Cremona

Nelle casse, diverse decine di migliaia di maschere FFP3, le sole raccomandate nel tentativo di contenere il rischio infezione da Coronavirus Covid-19 (lo ricordiamo, devono essere indossate solo dai soggetti portatori del virus, sono invece inutili per coloro che sono sani). “Da 2 anni siamo amati e integrati nella vita di questo paese, questo è un modo per dire grazie Italia”, aveva poi aggiunto l’azienda sui social.

Leggi anche: Coronavirus | Cina, il riconoscimento facciale funziona anche con la mascherina

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter