Coronavirus | La ricetta del medico su WhatsApp. Sì dalla Protezione Civile
single.php

Ultimo aggiornamento il 20 marzo 2020 alle 18:41

Coronavirus | La ricetta del medico su WhatsApp. Sì dalla Protezione Civile

Angelo Borrelli ha firmato una circolare che garantisce un passo avanti da parte del Sistema sanitario nazionale

Per limitare gli spostamenti il più possibile il Capo dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha firmato un’ordinanza che dà la possibilità a tutti i cittadini di ottenere le ricette mediche tramite SMS, mail o WhatsApp dal proprio medico. Si chiama numero di ricetta elettronica e permette di andare in farmacia senza il documento cartaceo, ma mostrando soltanto il codice sul proprio smartphone per avere i farmaci di cui si ha bisogno. La novità è stata accolta con soddisfazione dal Ministro della Salute, Roberto Speranza. «Un passo avanti tecnologico che rende più efficiente tutto il Sistema sanitario nazionale». In queste settimane di isolamento, le possibilità di uscire di casa per comprovati motivi di salute – e andare in farmacia rientra tra questi – non è mai stato oggetto di limitazioni.

Leggi anche: Coronavirus | Supermercati e passeggiate: le ipotesi della stretta

Ricetta “tech”

La novità del numero di ricetta elettronica è stata annunciata anche sul sito del Ministero della Salute che cita l’ordinanza firmata da Angelo Borrelli. “Al momento della generazione della ricetta elettronica da parte del medico prescrittore l’assistito può chiedere al medico il rilascio del promemoria dematerializzato ovvero l’acquisizione del Numero di Ricetta Elettronica tramite” mail (sia PEC, sia PEO), SMS o WhatsApp o comunicazione telefonica da parte del medico.

Leggi anche: Coronavirus, Ferrari e Marelli restano aperte per fare respiratori

L’ordinanza firmata dal Capo dipartimento della Protezione Civile permette così un passo avanti tecnologico al nostro Sistema sanitario nazionale. Nel pieno dell’emergenza nazionale dovuta al coronavirus, il governo sta studiando ulteriori strette per scoraggiare e limitare gli spostamenti non necessari con l’obiettivo di fermare il contagio il prima possibile. La possibilità di avere la ricetta del medico via smartphone va proprio in questa direzione, facilitando la vita quotidiana delle persone ed evitando rischi.

Leggi anche: Coronavirus, Le Maire: «Se l’Ue abbandona l’Italia, non si riprenderà»

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter