Coronavirus | Il mondo non vola più. Le immagini radar dei cieli svuotati
single.php

Ultimo aggiornamento il 28 marzo 2020 alle 12:37

Coronavirus | Il mondo non vola più. Le immagini radar dei cieli svuotati

La pandemia ha bloccato a terra le compagnie aeree. Ecco l'effetto ad alta quota

Il sito Flightradar24 è una piattaforma open source che dà la possibilità di vedere quanti sono gli aerei in volo e i loro spostamenti nei cieli in diretta. Fino a poche settimane fa, quando il mondo ancora non era bloccato dall’emergenza coronavirus, navigare su questo portale restituiva immagini di migliaia di piccoli aerei che si spostavano su un mappamondo, quasi come in un Risiko animato. Ora che la pandemia ha lasciato a terra la stragrande maggioranza delle compagnie, le immagini parlano da sole. Un tweet di Flightradar24 mette a paragone i cieli europei del 28 febbraio con quelli del 27 marzo 2020.

Leggi anche: Coronavirus | Gli USA sono chiusi. Così è partito il volo più lungo di sempre

© Fonte: Flightradar24

Poco traffico nei cieli

In questi giorni il profilo Twitter di Flightradar24 sta informando gli utenti con immagini eloquenti sull’effetto del coronavirus negli spostamenti aerei mondiali. Certo, non tutti i velivoli sono rimasti a terra: pochi voli continuano a decollare e atterrare dagli aeroporti, ma viste anche le disposizioni in Italia, l’isolamento ha quasi azzerato il mercato. Come tutti i settori, anche quello delle compagnie aeree è destinato a subire perdite cospicue. Secondo quanto ha riferito l’Agi a inizio marzo, la Iata (International Air Transport Association) ha parlato di una crisi che costerà fino a 113 miliardi di dollari soltanto nel 2020.

Leggi anche: Coronavirus, gli aerei sono a terra, Ryanair li usa per il soccorso

Per quanto sia già d’emergenza il periodo che stiamo passando, nella storia d’Europa c’è stato un momento addirittura peggiore per quanto riguarda il traffico nei cieli, un giorno particolare in cui nessun aereo ha preso quota nel vecchio continente. Era il 16 aprile del 2010, dieci anni fa: il vulcano islandese Eyjafjöll, che aveva iniziato a eruttare il 20 marzo, fu al centro di una di una paralisi storica dell’aviazione civile europea. Purtroppo quella attuale, dovuta al Covid 19, si prospetta ben più grave per le ricadute economiche.

Leggi anche: Coronavirus, Air France-Klm: a terra tutti gli Airbus 380 e i Boeing 747

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter