TikTok a caccia di americani: il nuovo CEO strappato a Disney
single.php

Ultimo aggiornamento il 19 maggio 2020 alle 9:16

TikTok a “caccia” di americani: il nuovo CEO strappato a Disney

Kevin Mayer è il nuovo amministratore delegato del social network cinese

TikTok ha un nuovo CEO ed è statunitense. Kevin Mayer, 58 anni, diventa l’amministratore delegato del social network cinese, – l’app più scaricata al mondo nei primi quattro mesi dell’anno – dopo anni passati dentro Disney come top manager nell’ambito dello streaming. Negli ultimi tempi si era infatti occupato del lancio di Disney+, l’ultima creatura sfornata dalla multinazionale dell’intrattenimento per dire la propria nell’arena dove già combattono giganti come Amazon Prime e Netflix. La notizia del passaggio da Disney a TikTok, come riporta il New York Times, non è stata una sorpresa, ma ci permette di raccontare come lo scontro tra Stati Uniti e Cina sia anche una lotta per accaparrarsi i migliori talenti nell’ambito tech.

Leggi anche: Aeri, la mascherina con USB e luce UV che disinfetta il filtro

TikTok alla conquista degli USA

Quasi 2 miliardi di download in tutto il mondo, di cui 172 milioni negli Stati Uniti, TikTok è un’app che i politici prendono sempre più sul serio. Alcune agenzie governative USA hanno addirittura proibito ai propri collaboratori di scaricarla o di utilizzarla. Il fatto che, d’ora in avanti, alla guida del social network amato dai giovanissimi (imitati come mai prima da genitori e nonni), non allenterà certo le tensioni tra Washington e Pechino. TikTok negli ultimi tempi ha fatto parecchio scouting negli States, incaricando top manager ed esperti del mondo delle piattoforme digitali. Come Vanessa Pappas, ex di YouTube.

Leggi anche: Perché Facebook ha comprato Giphy per 400 milioni di dollari

Sia democratici sia repubblicani USA hanno più volte sollevato la questione sulla sicurezza informatica garantita o meno dall’utilizzo di TikTok, chiedendo spiegazioni anche sul ruolo giocato dal Governo di Pechino. Nel frattempo il social network “dei video stupidi” è utilizzato ormai da tanti politici, anche nostrani, che cercano di parlare a un nuovo pubblico con contenuti leggeri. A inizio anno vi abbiamo raccontato la storia di Joshua Collins, 26enne seguace del socialista Bernie Sanders che parla con i suoi elettori tramite TikTok.

Leggi anche: Su TikTok la campagna elettorale del candidato che “sfotte” i ricchi

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter