Con Coderblock l'ufficio è in 3D | The Next Tech

Ultimo aggiornamento il 25 maggio 2020 alle 12:31

Con Coderblock l’ufficio è in 3D

Smart working? Sì, ma in chiave immersiva: la startup siciliana propone ambienti tridimensionali per la produttività. E lancia una campagna di crowdfunding

Fiere, uffici, spazi comuni che oggi non riusciamo o possiamo utilizzare potrebbero trovare nuova vita in versione tridimensionale. C’è una startup italiana, la siciliana Coderblock, che fa proprio questo: sviluppa uffici virtuali con avatar, stanze, scrivanie e una quantità di funzioni come riunioni, ricerca di personale e consulenze con il “marketplace” dedicato (le altre due formule proposte sono appunto “office” e “workplace”) e perfino la possibilità di gustare un caffè digitale con colleghi e clienti. Speriamo che sia buono. Il tutto potendo monitorare in tempo reale l’efficacia e la produttività delle persone presenti all’interno dello spazio di lavoro online.

Mettere in scena le relazioni

Quanto e come saremo destinati a lavorare in gran parte da casa, in particolare nell’ambito delle grandi imprese e degli impieghi che non abbiano un rapporto fisico o manuale con l’oggetto del proprio lavoro, non si sa. Molte colossali realtà stanno già dando l’opportunità ai proprio dipendenti di scegliere lo “smart working” a vita (vedi Facebook o Twitter). Ma il mondo non è fatto di Facebook e Twitter. Al contrario, è fatto di aziende di ogni dimensione, capacità e complessità che possono avere bisogno di soluzioni intermedie o, in certe fasi, che replichino in parte il contesto dell’ufficio. Così come ci sono molti ambiti che hanno bisogno di riprodurre contesti di business e di incontro, come l’ambiente di una fiera o di un evento, per scambiarsi informazioni, trattare nuovi accordi e in qualche modo “mettere in scena” le relazioni fuori dalla solita videochiamata.

La campagna di crowdfunding

Coderblock sfrutta dunque una tecnologia 3D per costruire questi ambienti e riparare ai danni economici causati dall’emergenza sanitaria che ha costretto fiere e operatori a dover cancellare centinaia di eventi ma anche per proporre un contesto lavorativo d’emergenza. La startup ha chiuso alcuni importanti accordi e parte del team è al lavoro per l’organizzazione virtuale di alcune fiere. Ma si deve crescere in vista di un futuro incerto. Per questo pochi giorni fa, attraverso il portale MamaCrowd, è partita una campagna di crowdfunding che ha già raggiunto diverse adesioni di rilievo.

L’ufficio in 3D

Oggi è essenziale per le aziende iniziare a parlare di digital transformation dei processi produttivi – ha spiegato Danilo Costa, fondatore e Ceo di Coderblocknoi ci stiamo muovendo su un duplice piano, a partire dall’ufficio virtuale 3D. Durante questa emergenza le aziende in Italia hanno percepito le potenzialità del lavoro da remoto, sia in termini di produttività che di risparmio sui costi aziendali. L’altro piano è quello delle fiere virtuali, un prodotto che in un periodo così difficile siamo riusciti a ideare, realizzare e ultimare in tempi record, registrando già i primi ordini: stand virtuali brandizzati e interamente personalizzabili, dove si potrà parlare direttamente con il cliente ma anche presentazioni, conferenze live e tanto altro”.

Oltre l’ufficio, verso la fiera personalizzata

 Quella di Coderblock è una specie di soluzione per lo smart working 3.0: una piattaforma digitale che ottimizza le collaborazioni a distanza attraverso un ufficio virtuale in 3D in grado di offrire un’esperienza lavorativa immersiva, realizzato con la tecnologia proprietaria di Novatek. Le soluzioni hanno dimostrato di avere i numeri per scalare e proporre sviluppi personalizzati, riproponendo l’asset “su misura” per rispondere alle esigenze di un mercato in continua evoluzione (come, appunto, quello delle fiere virtuali in 3D).

Danilo Costa

Jacopo Paoletti, partner e advisor di Coderblock, come in molte altre startup italiane di successo, ha invece spiegato che “nell’ambito del lavoro a distanza è in atto una vera e propria rivoluzione. Soprattutto in questa fase era fondamentale offrire un servizio all-in-one che potesse agevolare sempre di più le collaborazioni remote a ogni livello e per realtà di qualsiasi dimensione; Coderblock risponde perfettamente all’esigenza di cooperare con freelance, clienti e partner in modo integrato, e senza le problematiche che solitamente ci si trova ad affrontare quando si lavora da casa”.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter