Mai sognato di essere il Barone Rosso? C'è Red Wings Aces of the Sky

Ultimo aggiornamento il 28 maggio 2020 alle 18:29

Mai sognato di essere il Barone Rosso? C’è Red Wings Aces of the Sky

Accendete il vostro Nintendo Switch e preparatevi a duellare nei cieli dell'Europa di cento anni fa

La Prima Guerra Mondiale è spesso ricordata come il conflitto delle trincee o della paura per le bombe chimiche. Fu sicuramente una guerra particolare, a cavallo tra due secoli, con gli eserciti più arretrati – tra cui il nostro – che combattevano ancora come si combatteva nel periodo napoleonico, a suon di cariche alla baionetta e quelli tecnologicamente più avanzati che sperimentavano persino i primi carri armati. E mentre gli eserciti strisciavano nel fango dei fossati difensivi, sulle loro teste, nei cieli del Vecchio continente, particolari cavalieri si sfidavano in duelli eleganti e quasi medievaleggianti. Erano i primi aviatori. Perché la Prima Guerra Mondiale fu anche e soprattutto un conflitto aereo. E ora un videogioco permette di rivivere le gesta di quegli uomini tanto coraggiosi da salire su trabiccoli di legno: Red Wings Aces of the Sky.

Il volo di Red Wings Aces of the Sky

Chiariamo subito una cosa: Red Wings Aces of the Sky non è certo un titolo simulativo. Scordatevi dunque un prodotto sulla falsariga di Flight Simulator in cui la prima mezz’ora di gioco si passa semplicemente scaldando i motori preparandosi al decollo in pista. Sebbene il doppio pad del Nintendo Switch (Joy Con) aumenti l’immedesimazione ricordando naturalmente una cloche, il titolo dei ragazzi di All in! Games è esattamente come lo stile grafico fa supporre: allegro, immediato e pure un po’ scanzonato, nonostante rimandi ai tragici scenari bellici della Grande Guerra.

E avere optato per quel particolare stile (cell shading o toon shading che dir si voglia, insomma “fumettoso”) è stata una trovata parecchio furbetta perché ha consentito agli sviluppatori di mettere in piedi un titolo dall’aspetto assai godibile senza che sia sostenuto da un impianto grafico degno di nota. Anzi, a ben guardare Red Wings Aces of the Sky è piuttosto povero, old generation, ma fa comunque la sua figura.

A eccezione delle mappe in contesti urbani, in cui appaiono tutti i limiti di background poligonali appena abbozzati e texture stiracchiate, la maggior parte delle ambientazioni è assolutamente godibile. Poi, vuoi il fatto che si combatte a chilometri dal suolo, vuoi che non si ha tempo per guardare il panorama, vuoi le nuvole, la nebbia ed eventuali sortite notturne, Red Wings Aces of the Sky riesce a confezionare un pacchetto bello alla vista realizzato col minimo sforzo.

Che non è affatto un male, soprattutto quando si ha a che fare con console tecnicamente limitate come il Nintendo Switch. In questo modo il gioco ospita anche una modalità cooperativa in locale (split screen) a 2 giocatori che non viene ammazzata da vistosi cali di frame rate. Per il resto, invece, Red Wings Aces of the Sky è un godibilissimo arcade: si sceglie da che parte stare, se Triplice Alleanza o Triplice Intesa e dopo due minuti si è già in volo, pronti ad abbattere decine di velivoli nemici. L’unica variazione sul tema è rappresentata dalla possibilità di sbloccare nuovi “trick”, ovvero delle mosse che permettono al nostro aereo di compiere veloci ed elusive manovre, utili quando la situazione si fa incandescente. Un giochino leggero, agile e ammaliante, un po’ datato ma capace di intrigare ancora oggi. Esattamente come il biplano del Barone Rosso e l’eco delle sue imprese.

Leggi anche: Mafia 2 Definitive Edition: a scuola dal Padrino, su console

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter