Amazon stoppa la polizia: "Niente riconoscimento facciale"

Ultimo aggiornamento il 11 giugno 2020 alle 11:47

Amazon stoppa la polizia: “Niente riconoscimento facciale”

Moratoria di un anno: le forze dell'ordine non potranno usare Rekognition

In un breve comunicato Amazon ha annunciato di aver sospeso per un anno l’utilizzo della propria tecnologia di riconoscimento facciale – Amazon Rekognition – messa finora a disposizione anche della polizia. Dopo la morte di George Floyd, l’afroamericano soffocato e ucciso da un poliziotto a Minneapolis, sono esplose le proteste (pacifiche, ma anche violente) che hanno risollevato la storica questione del razzismo negli Stati Uniti. «Siamo convinti che i governi debbano mettere in atto norme più severe per disciplinare l’uso etico della tecnologia del riconoscimento facciale – si legge nel documento di Amazon – e nei giorni scorsi il Congresso americano sembra abbia voluto affrontare questa sfida. Speriamo che questa moratoria di un anno possa dare al Congresso abbastanza tempo per ottenere regole appropriate. Siamo pronti a dare il nostro contributo se richiesto».

Leggi anche: Coronavirus | Cina, il riconoscimento facciale funziona anche con la mascherina

Amazon non è soltanto e-commerce

Come scrive il New York Times, la multinazionale di Jeff Bezos non ha dato alcuna spiegazione esplicita per questa moratoria sulla tecnologia del riconoscimento facciale per quanto riguarda le forze dell’ordine, ma è probabile che la scelta sia il frutto del clima attuale e delle preoccupazione della popolazione afroamericana. Ma Amazon non lavorava soltanto sull’e-commerce? L’azienda, in realtà, è tra le più attive nello sviluppo della tecnologia e sembrerebbe stata anche la più spregiudicata fino a questo momento.

Leggi anche: La vostra faccia per 115mila euro: cercasi volto per un robot misterioso

La scelta del gigante del commercio elettronico è stata accolta con favore da associazioni come la American Civil Liberties Union, preoccupate di quanto un utilizzo sregolato del riconoscimento facciale possa penalizzare soprattutto le minoranze. Amazon ha specificato che la propria tecnologia Rekognition continuerà ad essere fruibile come strumento per il Center for Missing and Exploited Children e contro la tratta degli esseri umani.

Leggi anche: Hong Kong, 7 metodi non violenti (e anche tech) per resistere alla polizia

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter