Amazon: Prime Video avrà programmi live tutti i giorni a tutte le ore?
single.php

Ultimo aggiornamento il 24 giugno 2020 alle 14:23

Amazon: Prime Video avrà programmi live tutti i giorni a tutte le ore?

Alla base dell'indiscrezione, le numerose assunzioni in cantiere a livello globale. Cosa bolle in pentola?

Finora l’unico indizio sarebbe un lunga lista di annunci di lavoro: Amazon sta cercando un sacco di professionisti. Ma per fare cosa? Secondo quanto riportato dal sito Protocol, il prossimo progetto della multinazionale di Jeff Bezos è quello di arricchire la piattaforma Prime Video con un programma live che copra tutti i giorni e tutte le ore per offrire una alternativa (definitiva?) alle tv commerciali storiche. A questo punto – se l’indiscrezione dovesse essere confermata – potremmo aspettarci un canale all news, un canale per lo sport e un altro per i concerti, senza dimenticarsi del gaming (visto che Amazon si è già pappato Twitch nel 2014). Tutto su Prime Video.

Leggi anche: Amazon Prime Day 2020: quando sarà? Ecco le ipotesi

Prime Video: come una vera TV

Non è certo una novità che i giganti dello streming vogliano mettere le mani su eventi sportivi e musicali per trasmetterli sulle loro piattaforme, avviando una transizione ormai in atto. Per fare un esempio, Amazon si è aggiudicata i diritti di quattro match della Premier League che saranno trasmessi anche su Twitch. Ma l’idea di creare un vero e proprio palinsesto che copra tutte le ore della giornata, con un’offerta editoriale ricca per un pubblico esigente e sfuggente come quello online, rappresenta forse il tentativo di Bezos di differenziare la propria creatura dai competitor come Netflix e Disney+, che invece hanno puntato tutto sui video on demand.

Leggi anche: TikTok a “caccia” di americani: il nuovo CEO strappato a Disney

Secondo quanto riporta la stampa, Amazon Prime Video avrebbe in cantiere un piano di assunzioni straordinario a livello globale. La sfida non sarà comunque facile, visto che un altro gigante come Sony ha già rinunciato al suo programma di PlayStation Vue TV, motivando così la scelta: il mercato della pay tv è estremamente competitivo, con costi elevati e numerosi accordi da chiudere. Per far sì che la rivoluzione si compia, in altre parole, servono molti soldi e altrettanta pazienza.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter