Metamorphosis, svegliarsi blatta. Il videogame ispirato a Kafka
single.php

Ultimo aggiornamento il 13 agosto 2020 alle 11:13

Metamorphosis, svegliarsi blatta. Il videogame ispirato a Kafka

L'opera dello scrittore boemo rivive oggi nel videogioco per PS4, Switch, Windows e Xbox One sviluppato dalla startup polacca Ovid Games

Pensate allo sconcerto, all’orrore e al disgusto che potreste provare se un giorno vi risvegliaste nei panni di una viscida, corpulenta, tondeggiante, blatta. La startup innovativa polacca Ovid Works, nata nel 2015 a Varsavia dall’idea di due amici e oggi promettente team composto da una quindicina di persone, ha preso in prestito da Franz Kafka l’espediente narrativo della trasformazione in scarafaggio per far vivere all’utenza PS4, Switch, Windows e Xbox One una avventura davvero unica nel suo genere: Metamorphosis.

 

 

No, Ovidio non c’entra

Nonostante il videogioco si chiami Metamorphosis e il team di sviluppo Ovid Works, le Metamorfosi di Ovidio c’entrano solo di striscio, perché l’opera si rifà a un altro testo: l’omonimo romanzo di Kafka. Scordatevi A bug’s life e Z la Formica: la società degli insetti che vedrete in questo videogioco, per quanto evoluta, non sarà né bella né edificante.

La casa di Gregor. Percorrerla nei panni di un insetto è già un'avventura

I ragazzi polacchi hanno provato a recuperare l’immaginario inquietante, tetro e disturbante che ha reso unici e immortali i romanzi di Kafka. Chi ha letto il libro sa già cosa attende il povero Gregor Samsa, tapino destinato un mattino a svegliarsi sotto forma di blatta. Chi non si è avvicinato al romanzo dovrà scoprirlo in prima persona, vagando per la casa di Gregor come un minuscolo scarafaggio.

Ignorati dagli umani, schiavizzati dagli insetti. Non è una bella vita, quella delle blatte

Di fatto, Metamorphosis è un platform condito da diversi piccoli enigmi. Il rompicapo maggiore è dato dalle dimensioni della nostra nuova forma: anche raggiungere un documento su di una scrivania può essere un’avventura, quando si è una blatta. Peraltro nemmeno delle più agili, anche se poi imparerà a fare parkour lungo le pareti. In più occorrerà evitare di farsi vedere dagli animali domestici e dagli esseri umani, per evitare di ritrovarsi spiaccicati da un giornale arrotolato.

La società degli insetti è incredibilmente evoluta

Nei cunicoli umidi e sotterranei, strettamente connessi con il mondo di superficie e con le case degli esseri umani ha invece sede la città, estremamente complessa, degli insetti. Lì blatte, grilli, cavallette e cimici lavorano dando corpo a una società sorprendentemente evoluta e gerarchizzata, grottesca controparte di quella umana di cui ovviamente ne rappresenta una feroce critica. Gli insetti saranno i soli a rendersi conto della nostra presenza e, tutt’altro che amichevoli, potranno commissionarci missioni utili a progredire con l’avventura, tenuta assieme dal forte canovaccio del romanzo.

Il gioco non gode di una realizzazione tecnica troppo solida, ma i colpi d'occhio sono notevoli e non mancano

Scopo del gioco sarà comprendere cosa ci ha tramutato in blatta e come fare a tornare umani. Non solo: nel prologo, il nostro amico Joseph viene arrestato e ovviamente starà a noi provare ad aiutarlo. Per questo, fin da subito, si viene indirizzati verso un luogo soprannominato “la torre”, di cui però non vi diciamo altro per non rovinarvi la sorpresa.

Leggi anche: Mosaic, il videogame sospeso tra Fantozzi ed Essere John Malkovich

Forte di sottotitoli in italiano, Metamorphosis è un bizzarro simulatore di “vita da insetto”. Non c’è né un inventario, né la possibilità di far crescere il proprio personaggio: la sola attività ludica è comprendere come sfruttare a proprio vantaggio la conformazione dei livelli per arrivare a destinazione. In sottofondo restano monologhi e dialoghi tratti del romanzo, un’ottima occasione di scoprirlo per chi se lo fosse perso, di riviverlo per chi lo ha amato.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter