Paradise Killer: la Miss Marple cyberpunk risolverà l'ultimo omicidio?
single.php

Ultimo aggiornamento il 5 settembre 2020 alle 9:48

Paradise Killer: la Miss Marple cyberpunk risolverà l’ultimo omicidio?

Su Nintendo Switch una visual novel "gialla" immersa in un open world con un cast di personaggi semplicemente folli

Tornare liberi dopo un esilio di 3 milioni di anni e rimboccarsi le maniche per risolvere l’omicidio che tiene il mondo col fiato sospeso. Siamo dentro Paradise Killer, il nuovo titolo sviluppato per Switch da Kaizen Game Works. Nulla di quello che incontreremo è normale: ci sono divinità, enigmi, oggetti da utilizzare e, ovunque, una città misteriosa da esplorare in ogni angolo. Siamo Lady Loves Die, un’investigatrice richiamata per sciogliere domande e incastrare i colpevoli. Questa è la recensione di StartupItalia per la console ibrida di Nintendo.

Leggi anche: Marvel’s Avengers: Iron Man &Co arrivano su PS4, Xbox One e PC

Paradise Killer: visual novel in un open world

Nei panni di una Miss Marple parecchio cyberpunk muoviamo i primi passi in un open world che, arricchito dalla visual novel, immerge il giocatore in un vortice di storie e intrighi. Indirizzando il puntatore su oggetti e persone è possibile avviare l’interazione. Le indagini iniziano subito dopo che tutti i membri del Concilio sono stati brutalmente assassinati: il mondo in cui viviamo è in pericolo, dopo che le istituzioni hanno più volte tentato di costruire l’ambiente ideale per proteggersi da divinità malefiche che, invece, ogni volta hanno preso il sopravvento.

Leggi anche: The Last Campfire, una startup di 3 persone racconta il tema della morte

Il bello di Paradise Killer è che il giocatore è libero di seguire la propria curiosità. O inseguendo senza sosta i colpevoli, oppure girovagando tra il centro e le periferie della città. Il lavoro degli sviluppatori in questo è stato davvero lodevole: Lady Loves Die può andare letteralmente ovunque buttandosi anche da altissimi palazzi senza farsi un graffio.

Leggi anche: Nexomon: Extinction, da una startup la sfida al mito dei Pokémon

Fondamentale per procedere nella storia sarà farsi un’idea sui possibili colpevoli, interrogando le persone, scoprendo cosa hanno da dire. I dialoghi tra la nostra investigatrice e i suoi sospetti sono approfonditi e tutti da analizzare con pazienza.

Leggi anche: Giraffe and Annika, una tenera avventura ispirata ai cartoni di Miyazaki

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter