La recensione di Doodle Derby: su Switch le corse più pazze di sempre
single.php

Ultimo aggiornamento il 11 settembre 2020 alle 6:00

Doodle Derby: su Switch le corse d’auto più pazze di sempre

A volte le idee che abbiamo da bambini diventano qualcosa di grande

Quante volte abbiamo scarabocchiato sul quaderno mentre la prof spiegava alla lavagna. Tra i nostri compagni c’era senz’altro chi era bravissimo a ricreare creature e strane forme sul foglio. E se ora tutto quello a cui avete pensato mentre la bic viaggiava confusa sulla carta abbia finalmente preso forma (e vita) sotto forma di una folle corsa automobilistica? Ma non di quelle con circuiti tradizionali. Nel videogioco Doodle Derby ci sono esplosioni, macchine volanti, salti, pareti da sfondare e tutto l’armamentario cartoon che rendono questo titolo un vero divertimento. Questa è la nostra recensione per Nintendo Switch.

Leggi anche: WRC 9 torna in pista (e nel fango). La nostra recensione del gioco di rally ufficiale

Doodle Derby: folli al volante

Sviluppato dalla software house olandese Studio Erikson, Doodle Derby è un felice tentativo di proporre qualcosa di nuovo nel mondo delle corse. Da una parte abbiamo il realismo, dall’altra le spassose versioni arcade (Crash sta tornando in console): non era facile ritagliarsi una fetta sul mercato. Eppure questo è quanto hanno fatto gli sviluppatori, ricreando percorsi che sfidano qualsiasi legge della fisica: tra la partenza e l’arrivo c’è un mondo d’animazione davvero spassoso.

Leggi anche: MX vs ATV All Out: gas a martello e andiamo! Impennate e fango su Switch

«Il gioco – ha spiegato Erik Habets, l’ideatore di Doodle Derby – si ispira a un disegno che ho fatto da bambino. Nello schizzo si segue una piccola auto da corsa attraverso una folle pista, superando ogni sorta di ostacoli pericolosi. Come un gioco di platform disegnato su un foglio di carta».

Leggi anche: Descenders, buttarsi a rotta di collo da un monte è davvero divertente

Varietà su pista

Nell’affrontare le piste – in single o multiplayer – il giocatore può ispirarsi a decine di possibili soluzioni per farsi strada. Il bello di Doodle Derby è che rispetta la logica alla base della stupidera: deve sempre sorprendere. E infatti le piste sono diverse ogni volta che le affrontiamo.

Ad esempio, come ci si comporta se tra noi e il traguardo troviamo un enorme banana? Esatto, un frutto gigantesco che dobbiamo rosicchiare con una sega se vogliamo tagliare il traguardo. Doodle Derby ti insegna dunque a usare l’immaginazione per trovare il modo più veloce e acrobatico per farlo: inserendo rampe sospese in aria, utilizzando palle d’acciaio per infrangere muri ingombranti. La pista diventa così il campo da battaglia da piegare alle nostre esigenze.

Leggi anche: Project CARS 3, mille derapate e una inversione a U verso l’arcade

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter