Reddito di cittadinanza, il navigator diventa una app che incrocia domanda e offerta | The Next Tech
single.php

Ultimo aggiornamento il 29 settembre 2020 alle 7:00

Reddito di cittadinanza, il navigator diventa una app che incrocia domanda e offerta

A 18 mesi dalla nascita, il sussidio pentastellato ha prodotto risultati modesti, anche per colpa della pandemia. Da qui la decisione del Premier di creare un sistema informatico che velocizzi le pratiche

Dopo aver pressoché deciso l’abolizione di Quota 100, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, guarda all’altra principale e discussa misura economica del fu governo gialloverde: il Reddito di cittadinanza. “Voglio che una soluzione sia operativa entro sei mesi, il Reddito di cittadinanza in questo modo rischia di essere una misura assistenziale senza progettualità”, avrebbe affermato il premier, stando a quanto riportato dal Corriere della Sera.

© Foto: Account Twitter Palazzo Chigi

Svolta digitale sul Reddito di Cittadinanza

La decisione è arrivata al termine di tre riunioni riservate che il Presidente del Consiglio ha tenuto insieme al ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, il ministro dell’Innovazione Digitale, Paola Pisano e il presidente dell’Anpal, Domenico Parisi. La creazione dell’app che incroci domanda e offerta è un vecchio pallino proprio di Parisi, che già in passato aveva ventilato una soluzione di questo genere.

Leggi anche: Cdp lancia il Fondo Nazionale Turismo. Fino a 2 miliardi negli alberghi storici italiani

Ora, lo strappo di Conte potrebbe accelerare le operazioni di lancio della piattaforma. Il Premier ha chiesto a Catalfo e Parisi di collaborare per creare un sistema informatico unico e nazionale, che possa aiutare i disoccupati a trovare lavoro e le aziende a selezionare i giusti profili tra i richiedenti.

© Nunzia Catalfo, Twitter

Un database unico e collegato

A sviluppare la app che colleghi a livello nazionale i sistemi delle Anpal regionali dovrebbe essere una task force, istituita direttamente dal Ministro Pisano. L’obiettivo della squadra verte sul progetto e lancio della struttura informatica entro sei mesi. La creazione del nuovo sistema, commenta Il Fatto Quotidiano, andrebbe probabilmente a modificare il decreto varato a marzo 2019 che ha previsto la creazione del Sistema informativo Reddito di cittadinanza. Cambierebbe dunque l’articolo 6 del decreto stesso, che ad oggi prevede “due apposite piattaforme digitali dedicate al Rdc, una presso Anpal, per il coordinamento dei centri per l’impiego, e l’altra presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, per il coordinamento dei comuni, in forma singola o associata”.

© Foto: Account Facebook Paola Pisano

La necessità di una nuova formula

Stando ai numeri riportati dal Fatto, ad agosto su circa 3 milioni di beneficiari, poco più di un terzo era soggetto all’obbligo di sottoscrivere il patto per il lavoro, mentre erano solo 200mila i contratti firmati dai riceventi del Reddito di cittadinanza. Insomma, dati alla mano, la misura non sta aiutando come auspicato a trovare lavoro, anche al netto della pandemia che certamente ha congelato le assunzioni. Il rischio è che si stia verificando il temuto effetto boomerang: chi percepisce il sussidio è incentivato a non cercare un impiego.

Leggi anche: Navigator in alto mare, anche per colpa del Covid. Solo 100mila occupati

Proprio per rendere impossibile il rifiuto delle proposte di lavoro offerte per continuare a percepire l’assegno di sussistenza, Conte ha deciso la creazione dell’app unica nazionale. Per realizzare il progetto, verrà organizzata una gara e saranno cambiate, come detto, alcune norme – e forse alcune deleghe – della legge che ha istituito il Reddito di cittadinanza. È inoltre probabile, scrive il Corriere, che vengano introdotti incentivi per le imprese che dovranno iscriversi al nuovo sistema informatico.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter