Super Toy Cars 2: un Fall Guys, ma con le macchine
single.php

Ultimo aggiornamento il 9 ottobre 2020 alle 6:12

Super Toy Cars 2: un Fall Guys, ma con le macchine

Sviluppato da Eclipse Games, ecco il seguito delle corse nel mondo dei giocattoli

Veniamo da un’estate in cui il fenomeno videoludico è stato Fall Guys. Molti hanno rivissuto in console la follia esilarante del programma Takeshi’s Castle in cui un gruppo di disperati concorrenti dovevano attraversare una serie di ambienti pieni di ostacoli giganti. A noi che ci abbiamo giocato, Super Toy Cars 2 ha subito fatto venire in mente un parallelismo con il titolo del momento su PlayStation 4. La serie, in realtà, venne avviata nel 2014 e quest’ultimo è il seguito esplosivo della corsa senza esclusioni di colpi (di testa) sviluppato da Eclipse Games. La recensione di StartupItalia è per la console di Sony.

Leggi anche: Recensione di Inertial Drift, come polverizzare i copertoni sull’asfalto

Super Toy Cars 2: niente regole

Il modo migliore per entrare nello spirito di Super Toy Cars 2 è scegliere l’opzione gara, rinunciando per un pò all’opzione gara pulita. Con i tre tradizionali gradi di difficoltà (facile, media, difficile) salirete a bordo di una vera macchina giocattolo in un ambiente alla Toy Story. Paperelle giganti, palle da bowling, esplosioni: per concludere anche soltanto tre giri non basterà restare in prima posizione, ma fare di tutto per recuperare terreno non appena vi capiterà un imprevisto. E senz’altro vi capiterà.

Leggi anche: Tra tech e tradizione, così il mercato dei giocattoli si prepara al Natale 2020

Oltre ai prevedibili turbo, ogni macchinina ha a propria disposizione un superpotere da giocare al momento giusto. I terreni di gioco non sono semplici piste, ma circuiti davvero fuori di testa. Ci sembrerà di correre da piccoli piloti in un paese dei Balocchi pieno di rischi e insidie. Rispetto al primo capitolo, la grafica è senz’altro migliorata e la guidabilità dei veicoli varia a seconda della quattro ruote che si sceglie. Ci sono quelle più veloci, ma difficili da governare e quelle più lente ma che in derapata non vi tradiranno mai.

Leggi anche: Urban Flow, quando dirigere il traffico è come essere maestri d’orchestra

Nella modalità carriera non troverete soltanto le tradizionali corse: è davvero apprezzabile la serie di sfide in cui, ad esempio, si dovrà far a gara a chi riesce a infliggere più danni alle macchinine in ambienti insoliti. L’obiettivo principale è guadagnare la prima posizione che vi permetterà di raccogliere più soldi per comprare le macchinine più potenti. Il garage non è dei più ricchi: appena 20 modellini. Ma ciascun con i propri cavalli da far ruggire sotto il cofano.

Leggi anche: Mini Motor Racing X, una corsa di macchinine in piccoli diorami

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter