Foregone, la Mulan del futuro deve salvare il mondo
single.php

Ultimo aggiornamento il 13 ottobre 2020 alle 17:00

Foregone, la Mulan del futuro deve salvare il mondo

Sviluppato dalla software house Big Blue Bubble, il videogioco è disponibile anche su Nintendo Switch

Sono titoli come Foregone a confermare quanto l’attuale generazione di console debba molto alle realtà indie. Sviluppato dalla software house canadese Big Blue Bubble, questo platform 2D è un ricco RPG che abbiamo testato su Nintendo Switch, impersonando una giovane eroina il cui unico obiettivo è salvare la città di Calagan dall’esercito di Harrow. In attesa del titolo di novembre, Cyberpunk 2077, ci siamo avventurati in un mondo futuristico e pieno di distruzione, dove robot e cyborg armati di pistole tech non hanno alcuna pietà. Raccogliere monete e ripotenziare la stamina sono soltanto i primi accorgimenti per non morire: sarà necessario arricchire l’arsenale e capire come si evitano proiettili e colpi. Questa è la recensione di StartupItalia.

Leggi anche: Atomicrops, morto un FarmVille se ne fa un altro. Ma con mostri e bombe

Foregone: armati fino ai denti

A scorrimento orizzontale, Foregone è un videogioco che ci imporrà di ripetere più volte lo stesso livello, almeno fino a quando non raggiungeremo la potenza di fuoco adeguata per arrivare al checkpoint. Partiamo dunque col dire che non siamo di fronte a un titolo facile, ma al tempo stesso magnetico. Oltre a migliorare le armi, c’è tutto il lato RPG da curare potenziando il nostro attacco e le armature. Scorrevole nella grafica, curata anche oltre il necessario per un titolo che si ispira chiaramente al retro gaming, correremo in ambiente devastati dalla distruzione di Harrow.

Leggi anche: Projection: First Light, le avventure luci e ombre di Greta

Tra gli aspetti che più abbiamo apprezzato di Foregone c’è senz’altro la varietà delle armi. Nel corso del gioco ne raccoglieremo diverse, dalle più rudimentali alle più letali. A differenza di molti RPG retro dove le mosse per far fuori i nemici sono sempre uguali a prescindere dall’arma che si utilizza, nel titolo di cui vi stiamo parlando ognuna ha la propria animazione e restituisce la giusta libidine quando gli avversari cadono ai nostri piedi. Oltre alle armi bianche estrarremo anche le pistole per danneggiare e uccidere a distanza. Accorgimento davvero apprezzato in caso di emergenza.

Leggi anche: Georifters, spostiamo bolle caramellose come farebbero gli Umpa Lumpa

Che grafica

Nei vari ambienti di Foregone il crafting è obbligatorio se si vuole procedere nella storia. Distruggere le casse per raccogliere monete è essenziale, così come uccidere vi darà la possibilità non soltanto di arricchirvi con armi e monete, ma anche con altri oggetti da mettere nell’inventario. Il giocatore ha a propria disposizione una sorta di pozione che gli restituirà un tot di vita. Ma, attenzione, non si tratta dell’elisir dell’invincibilità: per quanto non irresistibili nei pattern d’attacco, i nemici sono tanti e possono farvi fuori mezza barra di stamina con un solo colpo. Badate dunque di ricaricarla al momento giusto.

Essendo un titolo in 2D i possibili movimenti della nostra eroina non sono infiniti, ma è soltanto imparando a saltare e a strisciare al momento giusto che potrete ottenere vantaggio sui nemici. Per chiudere la recensione di Foregone non possiamo non tornare sulla pixel art e sulla cura adottata dagli sviluppatori nel comparto grafico. Oltre ai dettagli – il ciuffo della ragazza si muove mentre corre e quando entriamo in una pozzanghera il nostro passo produce piccole onde – l’ambientazione è ricca e movimentata. La profondità conferma dunque un lavoro che va oltre le aspettative di chi ama questo genere di giochi. Starà anche arrivando la PlayStation 5 e tutta la next gen: ma sarà davvero difficile che mandino in soffitta questi piccoli gioielli.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter