Milano Resiste: Watch Dogs "invade" la città. Indossate la mascherina
single.php

Ultimo aggiornamento il 22 ottobre 2020 alle 17:33

Milano Resiste: Watch Dogs “invade” la città. Indossate la mascherina

Una campagna di sensibilizzazione in un momento drammatico per la città e l'Italia intera

Siate prudenti e indossate la vostra mascherina se volete far parte di una resistenza coscienziosa e altruista. A Milano è questo quello che criptici manifesti affissi per tutta la città riassumono in un unico claim: Milano Resiste. Occhi disattenti potrebbero pensare a un generico incoraggiamento vista la situazione che il capoluogo sta vivendo: picchi dei contagi e ansia per un domani incerto. Chi invece volesse inquadrare il QR Code presente sotto ogni manifesto scoprirebbe che la campagna di sensibilizzazione è stata lanciata da Ubisoft. La software house francese ha deciso di rivolgersi direttamente al mondo dei gamer in attesa dell’uscita di Watch Dogs Legion, il nuovo titolo in uscita il 29 ottobre. Se nel videogioco ci saranno le maschere degli hacker, impegnati a incastrare un potere autoritario, nella realtà è solo richiesto di indossare una mascherina per sconfiggere un nemico non meno minaccioso.

Leggi anche: Coronavirus, l’aiuto del mondo dei videogiochi a Croce Rossa Italiana

Milano Resiste: gli eroi indossano la mascherina

Nel corso degli ultimi mesi il mondo dei videogiochi si è messo in prima linea non soltanto per far compagnia a milioni di persone durante il lockdown della scorsa primavera. Software house e gamer hanno organizzato vere e proprie gare di solidarietà con maratone per raccogliere fondi da destinare a ospedali o associazioni. A poche ore dall’avvio del coprifuoco che interesserà Milano – e tutta la Lombardia, comprese altre regioni – il messaggio di Ubisoft si aggiunge a quello degli esperti che richiedono prudenza da parte di tutti.

Leggi anche: Covid-19 | Bungie, la software house di Destiny raccoglie soldi per i medici

Nella speranza che non servano altre campagne di sensibilizzazione, l’impegno del settore videoludico merita comunque un plauso. Alla soglia di una nuova fase per l’Italia in lotta da mesi contro il coronavirus, i videogiochi fanno molto di più che garantire qualche ora di sano svago.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche