Macrotis: A Mother's Journey. Dalla Turchia la tenera avventura di una mamma topo | The Next Tech
single.php

Ultimo aggiornamento il 5 novembre 2020 alle 12:21

Macrotis: A Mother’s Journey. Dalla Turchia la tenera avventura di una mamma topo

La startup innovativa Proud Dinosaurs presenta un dolcissimo platform fresco di debutto su PlayStation 4

Chi ha detto che gli eroi dei videogiochi debbano per forza essere tutti grandi, grossi e pieni di muscoli? Da quando il coraggio si misura in centimetri o in chilogrammi? Prendete per esempio la topolina protagonista di Macrotis: A Mother’s Journey: è persino più piccola di una lumaca, ma questo non la dissuaderà certo dall’intraprendere un’avventura zeppa di insidie mortali pur di salvare la propria cucciolata.

 

 

Disponibile su Nintendo Switch, Xbox One, Microsoft Windows, Linux, MacOS, Classic Mac OS e, da qualche giorno, anche su PlayStation 4, Macrotis: A Mother’s Journey narra la vicenda di una mamma topo che ha appena sfornato una deliziosa nidiata. Purtroppo un temporale autunnale gonfia il ruscello che scorre accanto alla loro tana, che esonda portando via i suoi cuccioli. Mamma topo non sa nuotare, una mancanza che si trascinerà dietro lungo tutta l’avventura (e infatti molti enigmi di Macrotis: A Mother’s Journey si basano proprio sulla necessità di tenersi distanti dall’acqua), dunque, a piedi, spaventata, stremata, parte alla ricerca dei suoi topini.

Dove sono il guerriero, il mago e la ladra?

Sviluppato da una piccola startup innovativa di Instanbul, Proud DinosaursMacrotis: A Mother’s Journey è un delizioso platform bidimensionale, in un mondo comunque 3D, farcito da un buon numero di enigmi ambientali, ovvero rompicapo che vi chiederanno di interagire con lo scenario (alzando e abbassando leve, ma pure il livello dell’acqua, distruggendo strutture e via di questo passo) per poter proseguire. Tanto per stile grafico, scorci evocativi, palette cromatica, quanto per gameplay, Macrotis: A Mother’s Journey ci ha ricordato parecchio la bellissima saga di Trine, serie di videogiochi a piattaforme con elementi rompicapo ambientati all’interno di un mondo fantasy – medievaleggiante, sviluppata da un’altra software house indipendente: l’azienda finlandese Frozenbyte.

Leggi anche: Come Pikmin 3 Deluxe sensibilizza i più piccoli (e non solo) al rispetto della natura

Rispetto a Trine, qui non potremo alternarci tra tre personaggi differenti (il mago, il guerriero e l’agile ladra), ma la nostra topolina grazie a un fortuito incontro con un mago – che poi è anche il narratore della storia – riceverà in dono diversi poteri magici che le permetteranno di aumentare il novero di azioni a propria disposizione.

Anche se qua e là la fisica del gioco presta il fianco a piccole critiche e in diverse parti non è subito facile individuare i meccanismi azionabili e i punti sensibili dello scenario a causa dei colori bui e dei tanti particolari su schermo, Macrotis: A Mother’s Journey alterna con furbizia sequenze platform e sessioni con piccoli enigmi, lasciandosi piacevolmente giocare per tutta la durata dell’avventura.

L’aspetto più interessante della produzione turca è senz’altro il comparto grafico, a dir poco delizioso visti i tanti dettagli messi in campo e il modo in cui gioca con gli effetti di illuminazione, regalando davvero l’impressione di essere piccole creaturine in un mondo enorme, vibrante di vita, umido e potenzialmente mortale.

Leggi anche: Halloween in musica tra topi redivivi con Mad Rat Dead

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche