WhatsApp introduce i messaggi effimeri: ecco cosa sono e come usarli
single.php

Ultimo aggiornamento il 6 novembre 2020 alle 12:20

WhatsApp introduce i messaggi effimeri: ecco cosa sono e come usarli

Dopo la funzione che ci aiuta a ripulire le conversazioni dai media inutili, arrivano i messaggi che si distruggono dopo sette giorni in maniera del tutto automatica

Per coloro che cercano da tempo un modo rapido ma soprattutto automatizzato per mantenere le conversazioni di WhatsApp sempre pulite o semplicemente vorrebbero avere la possibilità di inviare messaggi a scadenza, finalmente c’è una soluzione ed è ufficiale. Infatti, a distanza di pochi giorni dal roll out dell’ultimo aggiornamento che introduce un’interessante novità per ottimizzare la memoria del nostro smartphone e aiutarci a liberarla dai media scambiati – come quelli di grandi dimensioni o inoltrati più volte – in maniera più efficace, WhatsApp ha annunciato con un post sul blog ufficiale l’arrivo di una funzione attesa da molti utenti: i messaggi effimeri.

Come anticipato dalle informazioni trapelate da alcune beta rilasciate agli sviluppatori nei mesi precedenti, i messaggi in grado di distruggersi automaticamente dopo un determinato lasso di tempo sono finalmente disponibili anche su WhatsApp. Infatti, a oggi, tutto ciò che inviamo e riceviamo, utilizzando il servizio, rimane nel dispositivo per un periodo di tempo illimitato. Ma spesso – è il caso della lista della spesa o di alcuni appuntamenti – non è necessario che questi messaggi rimangano per sempre in memoria.

Leggi anche:
Peso e altezza, ma anche stipendio e allergie. Cosa sanno i social di noi

Per questo motivo gli sviluppatori di WhatsApp hanno pensato bene di aggiungere questa funzionalità che, una volta attivata, si occuperà di cancellare i messaggi inviati dopo 7 giorni in completa autonomia. Sia nelle chat singole, sia in quelle di gruppo.

Come si attivano i messaggi effimeri?

Il rilascio è previsto nel mese di novembre e, sebbene la novità non sia ancora disponibile nei nostri dispositivi, le pagine di supporto del servizio ci spiegano come abilitare o disabilitare i messaggi che si autodistruggono. La procedura di attivazione è abbastanza semplice: basterà aprire la chat di WhatsApp, toccare il nome del contatto, selezionare Messaggi effimeri e, quando richiesto, confermare la scelta scegliendo Continua e poi Attivati/Si. Lo stesso procedimento è utile per disattivare la funzione, ma scegliendo – nello step finale – la voce Disattivati/No.

E’ facile intuire che l’opzione coinvolgerà l’intera conversazione e non è applicabile a un singolo messaggio inviato. Per le chat di gruppo, invece, l’accesso a tale funzione è concessa solo agli amministratori. Inoltre, interesserà solo i messaggi scambiati dopo aver attivato l’opzione e non quelli scambiati prima.

Leggi anche:
Google TV, contro il logorio della Chromecast

Ovviamente, non mancano alcune limitazioni a cui porre attenzione. Ad esempio, se il destinatario non apre WhatsApp per sette giorni dall’invio del nostro messaggio, questo scomparirà automaticamente e non sarà più disponibile. O ancora, se un messaggio effimero viene inoltrato all’interno di una chat in cui è disattivata questa funzione, rimarrà comunque visibile per sempre e, in modo analogo, potrebbe accadere con i messaggi effimeri citati in una risposta. Per concludere, a oggi non è possibile modificare la scadenza che di default è impostata a 7 giorni. Tuttavia, nelle versioni future, potrebbe essere introdotta la funzione per cambiare questo limite.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche