La Cina punta alla Luna: con Chang'e 5 il primo "passo" per una stazione
single.php

Ultimo aggiornamento il 24 Novembre 2020 alle 9:17

La Cina punta alla Luna: con Chang’e 5 il primo “passo” per una stazione

Entro la fine del decennio Pechino vuole installare un centro di ricerca sul nostro satellite

Sempre più affollato lo spazio. A pochi giorni dal successo di SpaceX, che ha riportato quattro astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale, la Cina ha mostrato al mondo le proprie ambizioni. Poche ore fa è partita la missione Chang’e 5, con il lancio di un razzo che porterà una sonda sulla Luna con l’obiettivo scientifico di raccogliere rocce e materiali da riportare sulla Terra nel giro di qualche settimana. Come ricorda la stampa specializzata, se Pechino riuscisse nell’impresa sarebbe il terzo paese – e il primo nel nuovo millennio – a recuperare campioni dal nostro satellite. Ce la fecero gli americani e i sovietici, ma un evento simile non si verifica dagli anni ’70.

Leggi anche: SpaceX: il decollo storico senza Musk. Il CEO in isolamento: «Forse ho il Covid»

Cina: l’obiettivo del decennio

La sonda cinese impiegherà circa due giorni per raccogliere campioni e svolgere altri preziosi compiti scientifici. A differenza delle rocce ottenute dagli americani, la cui età era di circa 4 miliardi di anni, quelle a cui punta la Cina avrebbero appena 1,21 miliardi di anni. Questi campioni permetteranno uno miglioramento negli studi della superficie lunare. A questa missione ne seguiranno diverse altre, dal momento che Pechino ha un cronoprogramma da rispettare: entro la fine del decennio il gigante asiatico vorrebbe inaugurare una stazione di ricerca sulla Luna, necessaria per avviare l’arrivo di astronauti.

Leggi anche: Mars Horizon, il videogioco dell’ESA. Fai come Musk: fonda la nuova SpaceX

Nell’esplorazione spaziale Musk e la NASA hanno dunque un competitor agguerrito. La sfida tra Stati Uniti e Cina si giocherà sempre di più anche in orbita. In merito alla missione Chang’e 5 l’ingresso della sonda nell’orbita lunare è atteso per il 27 novembre, 200 km al di sopra del Mons Rümker, dove dovrebbe avvenire il lavoro di ricerca. Se tutto dovesse andare come previsto, la Cina attende l’arrivo di un pacco con quasi 2 kg di materiale lunare.

Leggi anche: NASA, toccata e fuga sull’asteroide. Con 60 grammi di “raccolta” sarà record

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche