Smart city: lo sportello diventa intelligente. In Lombardia risponde l’AI
single.php

Ultimo aggiornamento il 3 Dicembre 2020 alle 6:24

Smart city: lo sportello diventa intelligente. In Lombardia risponde l’AI

Il progetto di SCC Innovation Hub & Living Lab Network: più servizi innovativi per i cittadini

Sotto il cappello dell’intelligenza artificiale ci sono tecnologie complesse, spesso viste come distanti dalla vita di tutti i giorni. In realtà l’AI può dimostrarsi utile in tutta una serie di settori, andando ad aiutare i cittadini con nuovi servizi più agili ed efficienti. Questo è uno degli obiettivi di un progetto sostenuto da Regione Lombardia e finanziato con fondi europei: SCC Innovation Hub & Living Lab Network punta a realizzare entro il 2022 un Innovation Hub e una rete di Living Lab sul territorio. Lo scopo non è solo quello di progettare, sviluppare e raccogliere dati per l’elaborazione di algoritmi di Artificial Intelligence, ma anche di validare in larga scala prodotti IoT, connettività 5G e applicazioni in grado di assistere il cittadino a mantenere uno stile di vita attivo in una società e in ambienti urbani in continuo cambiamento.

AI al servizio del cittadino

«Avere in Lombardia un organismo capace di prevedere i fenomeni di innovazione delle città del domani e aiutare a sviluppare politiche di innovazione a vantaggio del cittadino porrà la Lombardia ai massimi livelli europei per la capacità di supportare le proprie città e le loro amministrazioni a migliorare la qualità della vita dei propri cittadini», ha spiegato Sauro Vicini, Cluster Operating Officer del Cluster Smart Cities & Communities Lombardia. Nella Regione che accoglie il maggior numero di aziende innovative in Italia, la strategia è quella di mettere a disposizione dei cittadini il patrimonio tecnologico, assecondando anche un percorso di cittadinanza digitale.

Leggi anche: Covision Lab: viaggio a Bressanone, nella valle della computer vision

L’Innovation Hub in cantiere sarà una struttura di coordinamento e di indirizzo della rete dei Living Lab. Tra i suoi compiti rientrano, ad esempio, l’erogazione di servizi innovativi a startup, PMI innovative, organismi di ricerca e grandi aziende. In particolare l’Innovation Hub e la rete di Living Lab, dislocati in diversi contesti, da campus universitari a sedi di grandi aziende e a strutture sanitarie, potranno basarsi su una piattaforma tecnologica in grado di raccogliere dati da sensori individuali, dispositivi medici indossabili, sensori ambientali, dati provenienti da applicazioni e software per offrire reali servizi ai cittadini.

Leggi anche: Il 5G male del mondo? Dal rischio Covid all’ambiente, tutte le bufale smentite

Questa novità del panorama lombardo si candida a diventare uno dei punti di riferimento per le aziende e i centri di ricerca con ricadute positive sulle startup e sui cittadini. Nelle aree urbane saranno introdotti nuovi servizi per i lombardi, in un percorso di ampio respiro che vuole dimostrare quanto l’innovazione diventi tale soltanto quando va a beneficio di una fascia ampia della popolazione.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche